16 marzo, 2006

Non scherziamo. Diamoci da fare

Ci siamo dati dei compiti ambiziosi fino alle elezioni politiche del 9 aprile.
1 - Dare una struttura democratica a , con una assemblea che rispetti tutti i crismi delle procedure pur entro una situazione di crescita repentina e di adesioni in continuo arrivo: unire partecipazione spontanea e rigore nella costruzione di una entità politica nuova.
2 - Rafforzare la nostra battaglia contro il governo Berlusconi da parte di un candidato sindaco indipendente e di una lista indipendente quali noi siamo e contribuire a mandarlo a casa.
3 - Aprire sedi in ognuna delle 10 municipalità e mettere insieme giovani e meno giovani, donne e uomini di tutti gli strati della popolazione entro comitati elettorali e liste per le municipalità. Riprendere a parlarsi con una lingua comune e a organizzarsi, pur nella diversità, per dare una nuova guida politica alla nostra città.
4 - Dare presto le linee di programma elaborate insieme in queste settimane e via via fare iniziative pubbliche per mostrarne e dibatterne i contenuti in modo aperto.

E poi abbiamo da raccogliere i soldi: siamo a 40.000 euro. Quando per una campagna da consigliere ne occorrono almeno quattro volte tanto. La maggior parte delle persone ha versato 20, 30 euro. E il tetto di 1000 è rispettato con onore. Altro che riccastri e industriali: tanta gente e pochi soldi. Ma serve di più.
E devo farmi conoscere e presto perché sono noto a meno del 30% della popolazione, con un alto tasso di gradimento. Ci vogliono manifesti, azioni capillari porta a porta, sedi, continue presenze per radio e in televisione, materiali di informazione, clip per le tv, per migliorare, raggiungere, vincere…

Ringrazio per il sostegno nei commenti. E anche per la sincerità dei dubbi e delle preoccupazioni.
Ma lasciatemi chiedere alcune cose a qualcuno tra voi e così, forse, dare risposte alle paure che circolano.
Veramente pensate che, mentre scrivevo e dicevo pubblicamente come intendo muovermi per fare una campagna elettorale chiara e con tutto questo in cantiere, mi mettevo a trattare al telefono con l'on. Pinco o con l'on. Pallino? E le centinaia di iscritti a una associazione che crede nel rinnovo della politica, starebbero lì a farmi costruire accordi sottobanco?
E questi accordi poi, quali prospettive o promesse aprirebbero a una battaglia come questa?
E avete idea di quante altre offerte e rivelazioni verranno ancora annunciate e giocate e a loro volta ingigantite dai media, che fanno il loro normale lavoro, data la situazione di grande incertezza, indeterminatezza, conflitto e rimescolamento negli schieramenti politici in questo momento in città?

O credete che, quando le cose si riavviano e muovono davvero, ciò avvenga con moto controllato, pacato, puro, lineare, rassicurante?
Andiamo. Questa è un rivolgimento profondo ed è ovvio che ci riserva la fatica di capire cosa sta avvenendo, distinguere e interpretare perché ci sono e ci saranno inevitabilmente i giochi e le azioni degli altri che tenteranno di innestarsi sulle azioni nostre. Cresceranno gli intrecci di aspirazioni e interessi diversi dai nostri che si rimettono in cammino e che troveremo sulla via.
Ci vorrà calma, discernimento e barra dritta.
Dovrò certamente dedicare tempo, attenzione e rispetto per ogni elettore di Napoli, per qualsiasi lista abbia votato in passato: l'ho detto e lo ripeto. E guarderò con cura a come si muoverà tutta la politica.
Ma ho anche grande rispetto per me stesso e per le tante persone che oggi si stanno unendo intorno a questa battaglia: noi vogliamo davvero tenere insieme le cose dette con quelle fatte.
E poi c’è una città che vuole sperare, che forse può ripartire. E’ un’occasione unica.
Non scherziamo. Diamoci da fare.

41 commenti:

Anonimo ha detto...

Sono uno dei critici dei post precedenti. Era solo questo che chiedevo, un chiarimento da parte di Rossi Doria per continuare a sperare nel movimento, non c'era nessun complotto dietro le nostre parole di critica. E' importante che almeno nel blog si chiariscano subito le vicende dubbie. Domanda che mi riguarda personalmente, nella municipalità San Carlo all'Arena-Stella non è partita nessuna iniziativa ancora ? C'è qualcuno che sa qualcosa ?
Leonardo Esposito

roberto vallefuoco ha detto...

Caro professore, ieri sono stato tacciato di esser il suo portavoce , cosa che mi onorerebbe non poco, peccato che io non l'ho mai incontrato e la conosco solo per averla letta qui o sui giornali e che di mestiere faccio altro ehehe.. Le rinnovo la mia stima, questa davvero può essere un'occasione importante..

Enrico per InOpera ha detto...

La chiarezza di Rossi Doria è una nota molto, ma molto positiva. Molti non ne avevano bisogno, altri sì. E in tempi che corrono, dove i lvezzo ha più notorietà della linea politica, bisogna stare attenti.
E' vero, da qui a fine maggio ì, ne sentiremo di tutti i colori: accordi sottobanco creuti tali, illusionisti dei maghi della politica, personaggi noti (o anche loschi) avvicinarsi ed allontanarsi, promesse, bugie, insomma Politicuccia.
Ma noi ANDIAMO IN UN'ALTRA DIREZIONE.
Noi lavoriamo ad un progetto che va oltre l'evento amministrativo, e che permette a molti di reinventarsi e di scommettere su un futuro cittadino migliore.
Altre considerazioni.
Penso che, dato che le nostre finanze non sono un granchè, dobbiamo trovare spazi e modi comunicativi alternativi.
Il problema COMUNICAZIONE può rislutare decisivo.
Andiamo avanti, a testa alta, credendo VERAMENTE ad un Rossi Doria VINCENTE.

clark kent ha detto...

Bel post! chiaro ed efficace ma...ma...un solo dubbio "maestro"..che vorrai mai dire quando parli di :

"costruzione di una entità politica nuova"??

Anonimo ha detto...

CITTADINO CON LA NAUSEA meno violenta, ma continua.
apprezzo le parole di MRD, e,senza offesa, potrei anche capire, ma non condivido.Se qualcuno mi avesse predetto :darai il voto a iervolino, io gli avrei dato del pazzo, ma l'ho fatto.Ed ho dato il voto a tante altre persone che non avrei immaginato neanche nei sogni peggiori.
E, visti i risultati, devo dire che in generale non paga.
Ma oggi, non sono disposta a votare insieme a persone che alle politiche voteranno ancora per berlusconi o per fini o , nel voto disgiunto, voteranno le liste della destra. E' troppo.
Tutto il rispetto a quanti faranno questa scelta, ma no sarà la mia,non si possono mettere insieme persone che vedono il mondo da prospettive diametralmente opposte.Non è possibile.Si è visto in questi cinque anni, durante i quali la destra è venuta fuori in tutti i suoi aspetti più raccapriccianti e inquietanti.
Caro Marco, neanche io sto scherzando, per questo non ti voto e sabato me ne vado a Roma alla marcia per la pace...c'è qualcuno di destra che ha la faccia tosta di parteciparvi?

Anonimo ha detto...

...purtroppo ce ne saranno anche, visto il clima di nave che affonda e questo è uno degli aspetti che non fa mai cambiare niente a meno che non cambino moralmente e (individualmente) le persone. comunque condivido la sua posizione almento per la discrminante con questa destra perniciosa...

luciano brancaccio ha detto...

Non ho mai sentito parole più snobistiche: "non si possono mettere insieme persone che vedono il mondo da prospettive diametralmente opposte.Non è possibile."
Come dire: alla rivoluzione! ma senza la plebe che è monarchica!
Vorrei far notare che FI le percentuali maggiori le prende a S. Pietro a Patierno e a Secondigliano. E se non siamo in grado di erodere il consenso alla destra lì (fosse anche solo per le comunali) allora è meglio che ce ne stiamo a casa.
Oppure è meglio sentirci duri e puri al grido di "non confondiamo la lana con la seta"?

tempesta ha detto...

cari cittadini di bagnoli e fuorigrotta vorrei creare iniziative per la candidatura di marco rossi doria a sindaco di napoli. mi date una mano? tempestainbici@libero.it

eleonoraee ha detto...

Bene quest'ultimo intervento di MRD.
Enrico per inopera ha ragione: quello della comunicazione è un problema e potrebbe risultare decisivo per la prima tornata elettorale.
Canali importanti sono quelli delle tv private (e sono tante) e delle radio (idem), soprattutto le più popolari.
Clark Kent, sei impertinente come sempre ehehehe....

Anonimo ha detto...

per luciano brancaccio
appunto, questa è la differenza, io ho detto "tutto il rispetto per chi farà scelte diverse" e lei invece entra nel merito della mia persona, che non è in questione in questo momento per tanti buoni motivi, primo tra tutti lei non mi conosce,e invece mi definisce snob. Io non entro nel merito della sua persona nè delle sue scelte perchè lei è un comune cittadino ed io non ho il diritto di farlo.Posso invece entrare nel merito della persona e delle scelte di MRD nel momento in cui si candida a sindaco...
La sua risposta mi dà ragione, non si possono mettere insieme persone che hanno una visione del mondo diametralmente opposta.
Non mi interessa erodere il consenso alla destra, e potrei meglio risponderle per le rime ma scelgo di non farlo.

Anonimo ha detto...

Io non capisco perche' la graziosa dama che : "Ma oggi, non sono disposta a votare insieme a persone che alle politiche voteranno ancora per berlusconi o per fini" non se ne fa una ragione logica ? Uno che vota per quelli o lo fa coscientemente o incoscientemente (cioe' senza sapere per "cosa" vota non per "chi" vota). Nel secondo caso e' un povero scemo (ma si potrebbe obbiettare che incoscienti ce ne sono anche di qui)e perche' sentirsi inquinati ?
Nel primo caso non vedo il problema. Non voteranno neanche morti per qualcosa che non gli conviene (dato per scontato che conviene alla graziosa vomitevole).
Ma mi sorge spontanea una domanda... tu graziosa vomitevole che città vuoi ? Sai, sono io che non vorrei votare per la tua citta se non piace a me.
Ti prego non anticipare i tempi santi numi! aspetta di leggere le proposte.

Anonimo ha detto...

LA GRAZIOSA DAMA VOMITEVOLE all'anonimo qui sopra
so per certo che non voglio votare con gente come te.E sicuramente la città che voglio io non è con gente che parla e pensa te.

Anonimo ha detto...

La dialettica italiana. L'importante è colpire l'avversario, non importa come e se all'interno di democratiche regole di discussione.
Non condivido per niente le posizioni della "graziosa dama vomitevole", ma mi spiegate che bisogno c'è di offendere? Sbaglio o l'associazione di Rossi Doria si chiama "decidiamo insieme"? Ditemi, caro signor Brancaccio e signor anonimo, come pensate di decidere insieme? Offendendo chi non la pensa come voi? In questo siete a dir poco berusconiani...

Michele ha detto...

Mi dispiace apprendere della volontà di Rossi Doria di procedere alla presentazione delle liste nelle elezioni per le municipalità. Cominciamo con le presentazione, sono un iscritto ai Ds (sez. Vomero) il quale guarda, o forse è il caso di dire guardava, con fiducia e speranza nella vostra proposta. Ho partecipato attivamente alle primarie dell'Unione e condividevo l'uso di tale mezzo democratico per la scelta del candidato sindaco. Purtoppo, a causa dei nostri stessi partiti e dirigenti, le primarie non si sono svolte, allora ben venga la sua discesa diretta in campo, proprio al fine di far rivivere nel primo turno per l'elezione a sindaco lo spirito delle primarie. MA CHE SENSO HA PARTECIPARE CON PROPRIE LISTE E PROPRI CANDIDATI ALLE ELEZIONI PER LE MUNICIPALITA'? Se si fossero fatte le primarie e lei avesse vinto non credo che si sarebbe presentato il problema delle municipalità. Forse non tutti sanno che il sistema di voto per le municipalità, per altro non ancora definitivo, prevede, per certo, il turno UNICO. Ciò significa che chi ha un voto in più degli altri viene eletto presidente e probabilmente ottiene anche un numero minimo di consiglieri. Tutto ciò sta a significare che, nel caso di presentazione di liste auonome a lei collegate, si correrebbe il rischio concreto di consegnare tutte o quasi le municipalità al centro destra. Caro Marco Rossi Doria tutto quello che hai creato in questi mesi potrebbe essere distrtutto da questa smania partitica che vi ha colpito. Sfogliando il blog ha già visto molte autosponsorizzazioni per candidarsi alle municipalità. In questa città non abbiamo bisogno di altri 300 professionisti della politica pronti a candidarsi, avremmo avuto bisogno di una persona seria la quale non provasse interesse a creare un nuovo partito, ma avesse a cuore di curare i tanti problemi che affliggono questa città senza nascondersi dietro un dito. Signor Marco Rossi Doria fino ad oggi io credevo che quella persona potesse essere lei...faccia in modo che non mi debba ricredere.

luciano brancaccio ha detto...

Per l'anonimo di qualche post sopra:
Io sono entrato nel merito delle sue parole non della sua persona. La differenza non le potrà sfuggire...
Inoltre: mi scusi tanto ma se "non le interessa erodere il consenso della destra" quale ricetta propone per cambiare le cose nella nostra città?
Visto che non possono cambiare idea, dobbiamo sperare in un suicidio collettivo di tutti coloro che votano a destra?
Oppure se loro cambiano idea, potremmo a quel punto votare noi a destra, così evitiamo di confonderci...

Margherita ha detto...

Ma non ho capito una cosa...
Se Rossi Doria decide di partecipare alle elezioni comunali è perchè ha un progetto politico alternativo a quello della Iervolino e dei partiti che la sostengono. Giusto?
Allora è naturale che la sua battaglia cominci dalle municipalità con tanto di liste per rappresentare le sue posizioni, ed è altrettanto naturale che se accordo non c'è stato per il comune, accordo non deve esserci neanche lì.
Mi pare il minimo di coerenza che va richiesta a chi si presenta alternativo al blocco dei partiti. Piuttosto mi paiono nervosi proprio i partiti, i trecento e passa professionistini della politica per partito che temono la concorrenza di altri trecento improvvisati...
A proposito, michele, a cosa è servito il governo di centrosinistra della circoscrizione Vomero in questi anni?

Anonimo ha detto...

oltretutto mi pare che la legge elettorale delle municipalità sia stata fatta proprio dal centrosinistra cittadino... non è che potevano farla un po' più decente?

Anonimo ha detto...

E' veramente bizzarro scoprire che c'è chi vota accertandosi prima che chi gli sta sui cosiddetti non voti come lui...
Ha torto Brancaccio quando dice che si tratta di una posizione snob... E' semplicemente una posizione antidemocratica che rifiuta il criterio della libera scelta e sotto sotto pensa che chi ha votato a destra dovrebbe essere privato del diritto di voto per i danni causati dal cavaliere.
Ma allora a chi continua a votare per chi ci lascia le strade piene di monnezza sociale e materiale dovremmo prevedere il taglio della mano?
ma mi faccia il piacere...

Anonimo ha detto...

eh sì, caro michele dei ds del vomero, come mai la legge per le municipalità prevede il turno unico e lo sbarramento al 3%? non è che se la sono fatta su misura per stare "blindati"? e perchè mai rossidoria dovrebbe dargli una mano togliendosi dai piedi alle municipalità ora che il giocattolo rischia di rompersi? ecco poi subito evocato il rischio di "consegnare le municipalità alla destra?" ma dài,e che fanno sti centrodestri, il colpo di stato a Bagnoli-Fuorigrotta? sopprimono le libertà civili a Scampia (lì mi paiono peraltro già sufficientemente minacciate dalla camorra ...)? purgano con l'olio di ricino a Chiaja? obbligano al fez e alla camicia nera a Ponticelli? non sarà invece che qualche Presidente in pectore si accorge che stanno per saltare tutti gli accordi da lungo tempo intessuti? magari saltare il turno e stare senza "poltrona" per qualche annetto lo potrà far riprendere da quest'ubriacatura generale per le cariche, i gettoni di presenza e quant'altro ... salutare, credimi, davvero salutare!permette di ripensare agli errori e, nel caso dei più intelligenti, anche di imparare la lezione ... quelli fessi, no, quelli meglio perderli ... "Ma quelli della destra in molti casi sono loschi, curano solo i loro affari", mi dirà michele: e perché questi no? michele, arrenditi, sembri uno che ci crede: non potrai cambiarli dal di dentro, pensaci bene e vedrai che mi darai ragione!

carloleggieri@katamail.com ha detto...

Ieri sera alle 18 presso la sede della facoltà di Architettura in Via Tarsia, era in programma un incontro promosso da CAMEO sulla municipalità Avvocata-Montecalvario. Non ho potuto prendervi parte. Sarei grato a Nunzio Rovito, a Franco Di Liberto o comunque a chi era presente di avere di farne un breve report. Anche questo è fare rete.
Grazie e buon lavoro.

Anonimo ha detto...

michele scrive "In questa città non abbiamo bisogno di altri 300 professionisti della politica pronti a candidarsi".
A me sembra che abbiamo bisogno - tra le varie altre cose - di 300 persone con un progetto coerente, oneste e motivate, che mandino a casa 300 professionisti della politica che non soddisfano questi requisiti.

michele ha detto...

Noto con piacere che il mio post non è caduto nel vuoto. Quello che noto, però, è una certa smania anti partitica ed anti sinistra. Come ho già detto precedentemente sono convinto che la sinistra in questi anni non abbia assunto al suo compito di buona e corretta amministrazione della città. Non sono un professionista della politica e non ho mire su prossime candidature alle municipalità, quello nel quale mi impegno oggi è la campagna per le politiche, la campagna per sconfiggere Berlusconi, cosa che a quanto credevo ci accomunasse.
Per margherita: la circosrizione vomero, con in presidente verde ( al quanto latitante) , non ha fatto molto in questa consiliatura, mi fate notare che un'eventuale vittoria della destra non farebbe venire meno le libertà fondamentali, sono d'accordo però posso farti un esempio sulle proposte della destra per combattere la micro criminalità al Vomero ? Hanno proposto, con tanto di manifestazioni di piazza a sostegno, di impedire l'uso della metropolitana nei fine settimana per TUTTI gli abitanti della periferia al fine di evitarne l'afflusso al VOMERO !!!!
se per te e poi voi questo è ammissibile per me non lo è e per questo ritengo che sia FUNESTA la vostra scelta di presentare liste in ogni municipalità in concorrenza con il centro sinistra.
Se scegliete di partecipare alle elezioni alle municipalità, abbiate il coraggio di scegliere con chi allearvi, altrimenti la vostra presenza non porterà a nessun risultato, nè èer voi nè per il centro sinistra.
Ps la legge elettorale sulle municipalità è in discussione da quasi un anno quindi non fate le vittime, non è stata pensata per fregare voi!!

roberto vallefuoco ha detto...

Vorrei fare qualche osservazione sulle cose che dice l’amico Michele dal Vomero in merito alle Municipalità, apprezzandone il tono.
I ragionamenti di principio non possono essere slegati dal contesto e da ciò che è avvenuto. La politica non è solo teoria, ma è un esercizio dinamico. Le scelte e gli atteggiamenti, e quindi il valore delle cose, cambia con l’agire degli attori politici. Tu stesso dici che le primarie a sindaco non si sono svolte per colpa “dei nostri stessi partiti e dirigenti”. Ora a prescindere dal fatto che se è colpa dei dirigenti c’è da chiedersi che democrazia ci sia in questi partiti. Ma il punto è che gli atti politici hanno delle conseguenze per le quali quegli “stessi partiti e dirigenti” devono assumersi le responsabilità. Il principio della “responsabilità” in politica è poco usuale, lo so in Italia. Questo comporta il fatto che le stesse persone stanno sempre al loro posto sia che facciano cose giuste o sbagliate. La domanda potrebbe ribaltarsi: “MA CHE SENSO HA PARTECIPARE ALLE PRIMARIE PER LE MUNICIPALITA' CON CHI NON HA VOLUTO LE PRIMARIE PER IL SINDACO E NE CANDIDA UNO ALTERNATIVO AL TUO?” .
La verità è che si era già deciso tutto con molto anticipo. Chi doveva essere ricandidato al comune, chi alla camera, chi essere dirottato alle municipalità, chi entrare in giunta, chi passa alla provincia..ecc..ecc... Il tutto fuori da qualsiasi possibilità, di discutere o di scegliere, non solo per i cittadini, ma nemmeno per gli iscritti ai partiti. Bisogna avere onestà intellettuale ed ammetterlo. Le regole elettorali ( quelle per il sindaco ma anche per le municipalità e persino per le politiche) non possono essere usate come spauracchio per spegnere la partecipazione alle scelte. Non si può dire “ma poi diamo in mano al centrodestra…”. Questa diventa una insopportabile minaccia. Se vincono i candidati di destra pazienza, è la democrazia. Non si può chiedere di votare chiunque per votare contro il centrodestra. Ne condivido una certa "sacralità" per i partiti e per la sinistra. Non è qualunquismo. E' riciesta di maggiore democrazia.
A dire il vero nemmeno a me piace l’idea di tanti candidati in giro per tutti i quartieri. Noi tutti speravamo che con la riduzione delle circoscrizioni ci fosse un miglioramento in questo senso.
Ma mi sfugge il riferimento ai 300. Significa che i 300 dei DS, o quelli dell’UDEUR eccetera, sono pure loro migliori degli altri? E perché? Per quale divino imprimatur? E quindi significa che le primarie che immaginate sono solo per il Presidente ma non prevederebbero liste di “Decidiamo Insieme”? O siete pronti a fare le primarie per sciegliere i candidati all'interno di tutte le liste, per esempio anche in quelle dei DS, insieme a noi?
Davvero non ho capito. Andrebbe chiarito. Potrebbe altrimenti sembrare un altro giochino strumentale. Meglio non farne niente se è così.
p.s. nemmeno io ho alcuna mira né nelle municipalità né in altro.

Anonimo ha detto...

io invece vorrei dira una cosa solidale alla "dama vomitevole"..che pone questioni vere nella testa di molti di noi..io non ho ancora deciso se votare jervolino o rossidoria....è possibile che si abbiano compagni di strada non gradevoli..ma credo accada sempre ed è accaduto sempre di recente...temo una sola cosa alla fine che questa almeno mediocrissima amministrazione jervolino ( mi sento buono) veda da un successo al primo turno una crescita di consenso che non esiste in una città che è in ginocchio..e quindi si blocca qualunque riflessione autocritica nel trionfalismo della vittoria..nessuno penserà che vince a mani basse per la assoluta nullità del centrodestra....quindi alla fine rossidoria mi sembra l'unica possibilità ( forse e dico 100 volte forse) di sbloccare qualcosa dare un segnale...
e piuttosto dico a chi maltratta la " dama" che rspondendo così da prova di intolleranza ..mi pare l'esatto opposto del modo di ragionare di cui abbiamo bisogno...via dalle certezze e fedi estremistiche e grandi dubbi voltairriani....

Anonimo ha detto...

LA DAMA VOMITEVOLE alle gentili persone che così l'hanno definita.

Forse qualche lezione di democrazia non guasterebbe ai frequentatori di questo blog, amici di rossi doria, li vedo molto carenti anche in questo.Senza offesa, qualche lezione ve la posso dare io, gratis e senza usare le bombe.Questo può già essere un contributo per questa città.
Per quanto riguarda il resto, non credevo in improvvisatori dell'ultima ora che dichiarano di avere la ricetta per tutto,e i fatti mi danno ragione: bisogna essere dei presuntuosi terribili per pensare di poter mettere insieme in pochi mesi "tutte persone per bene"e formare un gruppo capace di essere una vera alternativa alla sinistra... ed alla destra.Chiamare demagogia tutto questo mi sembra poco.
Io penso che MRD, con un poco di umiltà, avrebbe dovuto utilizzare le "risorse" che ha per fare pressioni all'interno del centrosinistra ed imporre un cambiamento forte e concreto.
Oggi esce tutti i giorni su repubblica e solo un fesso non immagina che abbia anche lì i suoi agganci, qualcuno ha letto qualche suo articolo di denuncia degli abusi del centrosinistra prima della storia delle primarie e della iervolino che candidandosi gli ha tolto la polpetta dal piatto?
io no, ci avrei fatto caso...
Si è mai lamentato, per altre vie, della cattiva amministrazione?
Se ha tanta notorietà ed un padre così importante perchè non l'ha fatto in tempi non sospetti?
Ed io, per votare un personaggio tanto ambiguo( o doppio) dovrei votare con il centrodestra?
E non bisogna essere nè comunista nè altro per dire questo, bisogna semplicemente pensare con la testa di cittadino onesto che ha tutto da perdere e niente da guadagnare nei loschi traffici scollati dai reali problemi della città.
E ADESSO, VIA CON LE OFFESE, PREGO.

Michele ha detto...

Se si decide di fare le primarie per le circosrizioni questo movimento avrebbe tutto il diritto , ed anzi IL DOVERE, di presentare un proprio candidato a pres. della munic. e poi naturalmente di presentare una proprio lista, coi i famosi 300, in ogni municipio. Lo so che questo sarebbe un magro contentino rispetto alle primarie per il sindaco, ma nn dimenticate che per quelle si potrà rimediare al primo turno.
Un dubbio mi assale, ma se si fossero fatte le primarie ed avesse, malauguratamente, vinto la Iervolino voi tutti l'avreste appoggiata? Questo elemento è per me una discriminante infatti, come in puglia gli elettori della margherita hanno poi appoggiato Vendola, anche qui si sarebbe dovuto ripetere lo stesso. Le primarie funzionano solo se sono un momento di discussione e dibattito all'interno di una coalizione che il giorno dopo le primarie stesse si ricompatta tutta intorno al vincitore, CHIUNQUE ESSO SIA. Per concludere ben vengano le primarie per le municipalità, ottima la vostra/nostra partecipazione, però a risultati acquisiti tutti si dovranno impegnare per sostenere i vincitori.
Nel caso in cui si decidesse di andare da soli...allora, seppur a malincuore, dovrei dividere la mia strada dalla vostra.
P.s. ma a questo blog partecipa e risponde anche Rossi Doria?

roberto vallefuoco ha detto...

Michele non ho capito, se partecipano alle primarie nella coalizione di centrosinistra non sono 300 professionisti della politica, se propongono un altro presidente lo sono...

Invece delle offese, alla cittadina con la nausea vorrei chiedere:
va bene la critica, ma mi dici i motivi per cui è meglio la Iervolino?
Motivi che non siano legati al politichese (il pericolo che vinca la destra..l'unità delle sinistre..il fascismo ecc), motivazioni legate a come si è amministrata la città, a quello che è migliorato, a come è oggi la città dopo 5 anni di amministrazione...
è stato fatto bene tutto? e se no perchè non cambiare?

observer ha detto...

Signora (dama...),
(mi permetto di rinominarla
Critica Ragionevole)
non si senta isolata, la realtà per fortuna non si limita a quello che viene detto qui, con poco rispetto
non delle regole della democrazia, ma spesso del semplice buon senso che è quello che andrebbe recuperato e tenuto presente prima di ogni avventura...

observer ha detto...

e poi alcune domande :

- la classe politica che vi ritrovate ha preso il potere con un golpe ?

- in tutti gli anni passati a nessuno è venuto in mente di criticare qualcuno o qualcosa ?

- vi accorgete solo adesso di come siete amministrati ?

- pensate che un deus ex machina
(con tutto il mio personale rispetto e stima per MRD) sia una
soluzione strutturale per tutti i problemi della città ?
e non mi fraintendete perchè mi riferisco alla notevole attuale vulnerabilità dell'iniziativa in un contesto sociopolitico così poco ottimistico come quello che ci attende (ingovernabilità post elezioni crisi economica eccetera)
mi si accuserà di politichese ma non mi importa io sto attento ai risultati duraturi ed è una vita
che mi rendo conto che dipendono dalle premesse, dai contesti e dal lavoro lento e "costruttivo". Mai dal trionfalismo e dal "dovete convincervi"...

Anonimo ha detto...

Leggo sul Mattino di oggi:
"
L’obiettivo comune con l’Unione è mandare a casa Berlusconi non per questioni ideologiche ma perché non ha fatto nulla per il Sud e Napoli. "
(Attribuito a MRD)

NON PER QUESTIONI IDEOLOGICHE???????????

Complimenti.........

Anonimo ha detto...

Chi pensava di aver toccato il fondo con la iervolino.bassolino, legga l'articolo di MRD sul Mattino.

ale ha detto...

chiacchiere, chiacchiere....

intanto, dopo aver votato due volte per Bassolino e due volte per Iervolino, io vedo solo che le stato del manto stradale non è mai stato così pietoso, la quantità di rifiuti non rimossi non è mai stata così abbondante, il livello di microcriminalità non è mai stato così elevato, la camorra non è mai stata così spudorata, l'inefficienza della polizia urbana non è mai stata così palese, la vendita abusiva di qualsiasi cosa non è mai stata così diffusa, l'appropriazione di suolo pubblico per farne il proprio posto auto privato non è mai stata così impunita, la violazione delle aree pedonali non è mai stata così frequente, il parcheggio sui marciapiedi anche nelle migliori strade del centro non è mai stato così selvaggio, e poi.... e poi.....

questo è solo quello che emerge, quello che ognuno può vedere ogni giorno, ma tutto questo non può
essere sempre imputato all'inciviltà di un popolo o alle mancanze dello stato centrale.

qui tutte le istituzioni pubbliche sono assenti, a partire da quelle più vicine, quelle locali. la solitudine dei cittadini rispetto allo stato qui è totale e questo non può non essere legato alle responsabilità di una amministrazione comunale che ha avuto abbastanza tempo per consolidare il proprio sistema di potere, e lo ha fatto in modo estremamente efficiente con ricche consulenze e con amici e parenti in liste e listini, senza che questo abbia minimamente rappresentato alcun vantaggio per chi in città ci vive.

qual'è il problema?
l'udc ha dato l'appoggio a Rossi-Doria? non è un fatto ideologico mandare a casa Berlusconi? ...? ...?

di sicuro Rossi-Doria non è un deus ex machina, ma la "soluzione strutturale" è certamente scardinare questo sistema di potere. sbarazzarci del mazzo truccato, mischiare e ridare le carte!! Poi se ne riparla...

Anonimo ha detto...

Da quassu', Vomero, mia Patria da 3 generazioni, da quando ci si riferiva a noi come "friarielli" o "broccoli", oggi che i bottegai hanno distrutto 2 volte questa Patria,(una volta facendola diventare di destra per 3 decenni, una seconda riducendola ad un mercatino di robba da 4 soldi che attira solo parvenu(s) e arricchiti) la situazione e' molto chiara.
Le sezioni della sinistra qui hanno "combatturo" in "tutti" i modi il pensiero e le persone fascisto-antidemocratic-qualunquist-strafottenti riuscendo a farlo diventare un quartiere vivibile fino a qualche anno fa.
I vecchi compagni del porta a porta- della latteria - della discussione animata o son morti o non sono piu al Vomero. Le sezioni sono andate ai margini. Questo IMMO con indecente autoeliminazione. Un vero suicidio.
Ma anche intellettuale e di proposte. Dopo un risorgimento del primo Bassolino in cui perfino i parvenu bottegai avevano capito che il loro individualismo ignorante era perdente per loro stessi ed hanno ottenutto quello che loro stessi rifiutavano ideologicamente, c'e' stato il vuoto, il nulla, l'abbandono. E mica questa e' colpa della destra.
Niente piu proposte e critiche sulle scuole, il parco, i giardini, la viabilità, le panchine, la vasca dei capitoni etc etc., il deserto come un banlieu luccicante e falsa dove c'e il coprifuoco come risposta alle invasioni barbariche.
E a fronte del desiderio di vita civile (son tanti gli episodi in cui i residenti han difeso extracomunitari da soprusi delle forse dell'ordine che certo non agivano come tali ma per ripicche personali, per poi essere paragonati dalla Rosetta come amici di quelli che assalgono la polizia per far scappare il camorrista di turno)cosa organizzano i compagni (sigh!) contro le pretese dei nazi-fasci di chiudere la metropolitana ?
Una ridicola contro manifestazionciuccia tra l'altro senza coinvolgere il quartiere visto che 8 sui 10 manifestanti non erano manco Vomeresi... con gli slogan tardo ottocenteschi in difesa dei franzosi contro i sanfedisti. E questo e' l'unico esempio che faccio... e dovrei trovare un accordo con dei fantasmi compagni (sigh!) vomeresi per vedere di strappare la municipalità ? A chi ?
MRD scegli amici compagni che abbiano un numero di telefono, che sappiano usare internet, che insomma usino per davvero la modernità per capire con un contatto con la gente cosa e' quasta municipalità. E che sia fatto cosi' in ognuna delle altre che sicuramente ne avranno da raccontare. Altro che noi ricchi (mannaggia!) del Vomero

Anonimo ha detto...

LA DAMA VOMITEVOLE (meglio vomitevole che rivoltante)
Ma MRD ha idea di quello che dice?Per quale motivo berlusconi non avrebbe fatto niente per il sud, se non per un motivo ideologico che lo porta a discriminazioni, pregiudizi e... per la sua ideologia di accattonaggio liberista, per cui l'interesse della collettività è subordinato all'interesse di pochi furbi come lui che hanno l'unico vantaggio di non avere scrupoli nè un minimo di rispetto per le regole elementari della democrazia.
A questa gente non bosogna fare sconti.
E poi, sarebbe un'alternativa a questa monnezza del centrosinistra napoletano aspettare che gli scontenti in coda alle liste si liberino dopo le elezioni per unirsi a MRD? Che razza di gente può essere questa? Ma vi fa tanto schifo porre ogni tanto una questione di principio? E che razza di politica è quella di MRD?
Lontana miglia da una vera alternativa, io la definirei la politica di "OGNI LASCIATA E' PERSA".

Anonimo ha detto...

cara signora,
mi sembra che lei voglia provocare...
provochi pure, sappia però che le cose che dice sono oltre ceh faziose assolutamente sbagliate.
Inutile spiegarglielo, inutile sperare che capisca, inutile provare a dirle che lei non è meglio di nessuno di noi, di nessuno che vota a sinistra o a destra, di nessuno che è convinto di fare cose per il bene della città...

Anonimo ha detto...

Cara signora vomitevole non insista oltre abbiamo capito.
Lei e' incurabile ed e' arrabbiata perche' non c'e' cura al suo disagio, alla sua malattia.
Ha ragione, e' tutto uno schifo, non ci sono speranze, e' d'obbligo non fidarsi di nessuno, non c'e' piu religione, non ci sono piu le quattro stagioni ed e' meglio vivere con 2 pensioni felice che con una di stenti.
Ora, perche' vuole redimerci ? Ci lasci morire in pace.
P.S. E' chiaro che non c'e' nulla contro di lei se non pietà, ma ogni tanto si faccia na' passeggiata a via Caracciolo, fa bene alla salute.

Anonimo ha detto...

Sottoscrivo in pieno i due post precedenti.
Cara signora, è proprio inutile provocare. Ad avere sempre la nausea ci si ritrova ad annegare nel vomito o nella bile. Faccia piuttosto le sue considerazioni entrando nel merito ma possibilmente senza screditare egoticamente chi crede in MRD e in questo movimento. Mille grazie per l'attenzione.

AlFer55 ha detto...

Quanto "sacro furore" ritroviamo nei blog: mi sembra che siano fatti per questo quindi sfoghiamoci pure.
Se invece vogliamo partecipare, fare politica, cambiare quello che non ci piace, impariamo a rispettare le regole e, prima ancora, gli altri che non la pensano come noi anche se poi loro non ci rispettano tanto, se noi siamo veramente dalla parte della verita, ... "La verità ci rende liberi".
Se non siamo daccordo allora vale la regola "occhio x occhio....."
Un umile suggerimento di natura politica potrebbe essere quello di reimpossessarci del diritto, scippatoci da questa legge elettorale, stilando immediatamente il programma di questo nuovo partito (nel senso di gruppo che partecipa alla vita politica con una propria identità e volontà dichiarata) e mettiamo immediatamente nero su bianco l'elenco degli assessori che comporranno la Giunta Comunale del Sindaco MRD scegliendoli tra gli uomini VERAMENTE ONOREVOLI e VALIDI che esistono in questa città (senza tenere in alcun conto e senza valutare diversamente nel bene e nel male la eventuale loro partecipazione presente o passata in qualsiasi partito istituzionale). Se si propone un programma serio ad una persona seria questa non potrà declinare l'invito ad attuarlo senza una dichiaratamente fondata accettabile motivazione.
Inoltre sarei curioso di vedere come potrebbero proporre con tanto anticipo il programma, insieme agli uomini che dovranno realizzarlo, gli altri candidati a sindaco che sono costretti dai partiti che li affiancano ad usare il "Manuale Cencelli" per ogni decisione "politica".
Inoltre, per poter ridare valore alla "parola data" che il CAVALIERE ha ridicolizzato quando l'ha elevata alla ufficialità di "contratto con gli italiani" (da ...grande comunicatore.... ha usato quella FICTION di PORTA A PORTA), mi piacerebbe vedere un manifesto in cui i suddetti candidati assessori "GIURINO SOLENNEMENTE" di eliminare la prassi clientelare di cooptazione e distribuzione d'incarichi e facilitazioni disponendo l'attivazione di procedure rapide e trasparenti per la realizzazione di tutte le attività pubbliche cercando di evitare che "l'appartenenza" sia vincente sulla "superiore valenza universalmente riconosciuta" in modo da non suscitare dubbi sulla "virtù della moglie di Cesare".
Praticamente dico che per risolvere i problemi nei vari campi della vita di una città preferisco un buon avvocato, dottore, ingegnere, infermiere, artigiano ecc. responsabile delle proprie azioni invece di uno qualsiasi che, pur avendo i titoli sulla carta, sia imposto da scelte di parte e quindi condizionato/condizionabile (la buona fede va sempre ammessa e concessa) dagli stessi che lo hanno scelto.

Anonimo ha detto...

LA DAMA VOMITEVOLE HA FATTO UNA PASSEGGIATA A VIA CARACCIOLO come suggeriva qualche gentile frequentatore di questo blog) E HA TROVATO GIOVAMENTO, PERTANTO HA DECISO DI continuare questo interessante dibattito anche considerando che,I GENEROSI AMICI DI ROSSI DORIA NON HANNO NULLA CONTRO DI lei, TRANNE LA PIETA' dovuta al fatto che nulla le FA CAMBIARE IDEA, NEANCHE GLI INSULTI E LE OFFESE.
A proposito di insulti e di offese,ho notato, perdonate il narcisismo, di essere in compagnia dell'illustre sindaca, avete pensato bene di estendere l'alto profilo delle vostre argomentazioni anche alla sindaca attraverso i giornali?
E, visto che siete stati così gentili con me, un consiglio ve lo voglio dare anche io
LA PROSSIMA VOLTA, FITTATE UN CINEMA PIU PICCOLO COSI'SEMBRERA' MENO VUOTO.OPPURE LA SALA TRE O DUE DEL MODERNISSIMO, CHE MEGLIO SI ADATTA AL NUMERO DEGLI ENTUSIASTI DI ROSSI DORIA.

Francesco de Goyzueta ha detto...

Nell'assemblea del Modernissimo ho captato molti consensi sulle tematiche prioritare dell'agenda politica di Marco,e ai quali mi associo pienamente.Ho registrato invece critiche sulla modalità di formazione del comitato di indirizzo che è un organismo molto delicato e importante per gli orientamenti e le scelte da adottare.Sono convinto che le persone che lo formano,e molte le conosco personalmente,sono capaci e di qualità,ma sono altrettanto convinto, per un soggetto politico che nasce con idee innovative e fortemente partecipative,che proprio in questa fase avrebbe dovuto fare uno sforzo in più. Mi riferisco al fatto che è stato votato in blocco l'intero elenco senza che l'assemblea abbia potuto esprimere una benchè minima volontà di scelta e di accettazione sui singoli candidati, che cortesia e sostanza,avrebbero consigliato loro di presentarsi sul palco per esprimere in 3 minuti ciascuno il personale profilo
e le proprie motivazioni. L'assemblea poi con alzata di mano a favore su ogni designato, avrebbe provveduto a legittimarlo.Non ho alcun retro pensiero di nessun genere,ma mi farebbe solo piacere iniziare bene, nell'interesse di tutti,questa bella sfida che si profila molto interessante per il destino della città.

Anonimo ha detto...

Nel comitato di indirizzo ci sono persone che erano ( o forse lo sono ancora ) iscritte ai partiti ( Ds soprattutto ) e che sono passate dalla parte di Rossi Doria perchè nessuno se li ca..... di striscio.
Altro che niente partiti...e voi poveri illusi che continuate a scrivere su questo blog!!
Cambiano i suonatori, ma la musica e sempre la stessa....