27 maggio, 2006

Adesso al voto

Dobbiamo essere contenti e orgogliosi di quello che abbiamo fatto e chiedere il voto a me e alle nostre liste sulla base anche di questo orgoglio.

Non siamo stati perfetti e non viviamo in un mondo perfetto.
Come candidato sindaco e primo ideatore dell’avventura a cui abbiamo preso parte sono il primo responsabile anche di errori, lentezze, difficoltà che tuttavia – in un’ottica che guarda al sistema e alla complessità del compito – sono stati comunque di gran lunga inferiori ai punti messi a segno. Credo che dalle nostre imperfezioni abbiamo saputo e sapremo trarre lezioni: nei sistemi complessi è l’apprendimento in corso d’opera il valore aggiunto positivo.

Dobbiamo essere contenti e orgogliosi perché abbiamo dato un’occasione alla città e a noi stessi, abbiamo studiato e indicato quel che si deve fare per fare ripartire Napoli con un programma che ha saputo mettere insieme integrazione e inclusione sociale con sicurezza e sviluppo sostenibile. Lo abbiamo fatto in modo libero, unendo culture e linguaggi diversi, persone e storie diverse, un grande esercizio partecipativo. Lo abbiamo fatto spesso con ironia e auto-ironia, senso critico, battendoci contro la paura e l’astio e divertendoci anche. E’ uno stile nuovo, che va mantenuto.

Non abbiamo semplicemente dato voce alla verità di una crisi che tutti noi cittadini di Napoli abbiamo ogni giorno davanti agli occhi e che solo gli stolti o coloro che sono obnubilati dall’appartenenza continuano a negare contro ogni evidenza.
Abbiamo voluto cimentarci con le cose da fare, ci siamo proposti per il governo vero della città. E lo abbiamo fatto in modo aperto, ascoltando, creando e accettando dibattito pubblico sul da fare, con tutti. E, coerentemente, ci siamo confrontati su questo con tutti gli attori della vita economica, sociale, civile ma soprattutto con i cittadini. I cittadini possono votarci o meno ma è sulla base di una possibilità vera di cambiamento che decideranno. Abbiamo fornito questa possibilità, che rende più liberi nella scelta. E’ a portata di tutti un voto utile, un voto libero.
E, comunque, tutti gli attori che vivono e operano a Napoli ci riconoscono una proposta che crea speranza. E gliene siamo grati perché è importante, in una situazione di mancato sviluppo, il conforto delle persone che lavorano per la crescita dell’occupazione, investono, creano azione sociale e che ci dicono: siete persone con proposte serie, realistiche, innovative. Così: industriali, artigiani e piccoli imprenditori, commercianti, sindacati dei lavoratori, associazioni professionali. Ieri la grande rete dei contribuenti ha emesso un comunicato nel quale invita ufficialmente a votarci perché siamo la proposta più seria in città e ha inviato un appello ai suoi 10.000 associati. Molte associazioni dei disabili e il movimento dei girotondini, che ha animato la difesa della Costituzione negli anni passati, fanno altrettanto. L’associazionismo ambientalista ci riconosce la serietà delle proposte. L’assise di palazzo Marigliano rispetta le nostre prese di posizione indicandole come fortemente propositive. I media hanno altresì riconosciuto il valore della proposta politica di cui siamo portatori, entro un rapporto che, grazie a una nostra costante attenzione al rispetto e alla reciprocità, è stato di confronto sereno e leale: Il Mattino, La Repubblica, Il Corriere del Mezzogiorno, il Roma, la RAI e tutte le tv locali, Napoli più, Cronache di Napoli ecc.
Sulle pagine napoletane de La Repubblica di oggi, vigilia del voto, l’articolo di fondo evidenzia e riconosce bene il senso del nostro lavoro per rifondare la politica a Napoli. E tre giorni fa, sulla pagina nazionale de Il Mattino, Aldo Masullo, che aveva aperto la stagione della critica al sistema di potere vigente a Napoli, ha riconosciuto la serietà e il coraggio della nostra impresa mentre, nei giorni scorsi, per l’ennesima volta, i dirigenti nazionali di Ulivo, Margherita, DS ci nominano come risorsa importante per il futuro della città.

Abbiamo voluto una campagna sui contenuti e sul metodo partecipativo democratico. Abbiamo insistito sulla possibilità di fare politica in altro modo.
Ma - con alcune eccezioni positive che hanno consentito rapporti di vero confronto che noi auspichiamo che durino nel tempo - la politica ufficiale partenopea non ha, in generale, saputo rispondere adeguatamente.
Era forse prevedibile ma è un peccato che Malvano e gli esponenti del centro-destra, presi dalla loro demagogia dilagante e dalla conduzione di una campagna elettorale forsennatamente fatta di promesse alla vecchia maniera e dal delirio di rivincita imposto da Berlusconi , non abbiano mai voluto confrontarsi con una qualsiasi delle nostre proposte. E’ l’ulteriore segno che non esprimono cultura di governo, così come non hanno mai espresso opposizione propositiva in tutti questi anni.

Ma soprattutto è un vero peccato che il sindaco uscente non abbia saputo riconoscere la nostra proposta quanto meno come quella di avversari seri entro il confronto elettorale e che i presidenti di Provincia e Regione Campania non abbiano trovato il coraggio nemmeno di nominare “Decidiamo insieme” così come, in politica, si fa con tutti i concorrenti alle cariche elettive. Hanno preferito ignorare l’evidenza, a differenza di tutta la città e insistere sulla parola “dissenso” ….. un lessico, forse rivelatore di una idea di politica di altri mondi e altri tempi, qualcosa di vagamente e surrealmente sovietico.
Peccato davvero.

Ma dobbiamo essere orgogliosi e ringraziare noi stessi soprattutto perché abbiamo costruito un movimento che ha oggi un telaio, qualcosa che può durare nel tempo, che ha l’ambizione di lavorare per il bene pubblico ben oltre la scadenza elettorale. Qualcosa che va difeso come un bene prezioso, nutrito e ampliato. Ci siamo, infatti, presentati alle elezioni con questo spirito: è la prima pietra. Questo è il senso delle nostre liste e della conduzione aperta della campagna. E dobbiamo essere grati a tutti ma proprio tutti per ogni attimo del grandissimo lavoro volontario svolto: decine e decine di uomini e donne di tutte le età e di ogni quartiere hanno voluto e saputo supplire alla mancanza di mezzi regalando alla nostra impresa ore e ore di lavoro, dedizione costante, riflessione intelligente, straordinario rispetto e attenzione agli elettori cittadini, cura costante delle relazioni reciproche e con i territori, con gli avversari, con gli eventi e i compiti. Senza questo non avremmo potuto presentarci e condurre questa campagna. Ed è grazie a questo che potremo durare nel tempo.

Voglio oggi ringraziare tutti coloro che hanno contribuito economicamente. Sono stati – credo – premiati dal fatto che abbiamo condotto una campagna per la presidenza e il consiglio di dieci municipalità (si anche a Chiaia abbiamo lavorato!), per 60 candidati al consiglio comunale di Napoli e per il sindaco con un budget di meno di 100 mila euro, tutti, fino all’ultimo centesimo, regolarmente segnati per provenienza e spesa, proprio come avevamo promesso! Attenzione: è la metà della metà della metà del costo di una campagna elettorale per un solo candidato al consiglio comunale dei partiti tradizionali ben accreditato, un decimo della sola campagna dei grandi manifesti iniziali (gennaio e febbraio) di Iervolino o Malvano. E’ il segno della possibilità di fare politica a costi davvero contenuti, il simbolo di una spinta etica straordinaria e che rivendichiamo. E voglio esprimere un grazie speciale a ognuno dei membri dello staff, fatto di pochissime persone impegnate in modo fortissimo, che hanno lavorato contemporaneamente a risolvere problemi immensi e a costruire una struttura di tipo nuovo da zero.

Ritornerò qui dopo la conta del voto. Ma voglio ripetere quanto ho detto nel comizio finale a San Domenico Maggiore: aspetteremo il risultato del voto con calma e determinazione. E lo valuteremo pubblicamente come movimento Decidiamo Insieme, assumendoci la responsabilità delle scelte che ne conseguiranno. Come abbiamo fatto dall’inizio. Se vinciamo andremo avanti e punteremo sul governo della città. E comunque siamo fiduciosi perché sappiamo di poter davvero contare su un bagaglio collettivo molto ampio di intelligenza, creatività e, al contempo, realismo e senso di responsabilità. Faremo comunque valere bene il voto che otterremo, qualsiasi sarà l’esito che esce dalle urne, salvaguardando la nostra indipendenza, il programma che abbiamo costruito e la prospettiva di un impegno che non può essere che di lungo periodo.

164 commenti:

Angela ha detto...

che dire se non: grazie Marco! e che avvenga il miracolo!!!!!!!

l'altro sergio ha detto...

una cosa è certa.... abbiamo sporcato poco la città e spero che questo resti sempre un'obbiettivo e non solo un contingente problema economico....
non un miracolo... ma rivoluzione come dice balsamo...
in bocca ai lupi.....

Anonimo ha detto...

E che i lupi la richiudano per sempre!

Anonimo ha detto...

Voglio ringraziarti e ringraziare tutti per quello fatto fino a qui.

Ieri e nei giorni scorsi mi hanno telefonato, oggi mi hanno anche citofonato che volevano stringermi la mano per salutarmi (logicamente i vecchi partiti).

La citta' puo' cambiare!!!

La cosa piu' bella del programma sono le facce che lo sostengono.

grazie
AP
ps voglio inviare a te e a tutti tanta energia per la strada ancora da fare.

marco esposito ha detto...

marco, grazie a te di averci provato con tanta energia, pazienza e fantasia

me

Anonimo ha detto...

caro mago zurlì,
hai fatto il miracolo: martedì mattina ci sveglieremo con malvano sindaco.

Amarena ha detto...

Caro Marco, hai studiato da Bassolino, bravo: hai superato il master in bassolinismo, parli proprio tale e quale a lui. E sai che ti dico? Tra quello originale (lui) e quello finto (tu), scelgo il primo.

In bocca al caimano

pietrospbo ha detto...

Anonimo evidentemente lei vota Iervolino (forse mi sbaglio) e pensa che il mago zurlì come lei lo ha chiamato possa togliere voti al suo candidato sindaco. Purtroppo non è così visto che i voti guadagnati da Marco e persi dalla Iervolino non permetteranno comunque a Malvano di vincere al primo turno visto che la somma totale dei voti di Rossi Doria e della Iervolino sarebbe la stessa nel caso in cui Marco non si fosse candidato. La legge elettorale prevede infatti che al primo turno vince chi ottiene il 50% + 1.

PaoloPantani ha detto...

E va buono! In politica meglio una cosa tentata che una cosa non provata! Voglio ricordare come è nato il movimento. E' NATO IL 22 DICEMBRE 2005 NELLA SALA DELLE ADUNANZE DI PALAZZO SERRA DI CASSANO SI CHIAMAVA NOIDECIDIAMODISCEGLIERE, SIAMO PARTITI DALLA RICHIESTA DI RICANDIDATURA ALLA IERVOLINO, IL PRIMO RISULTATO OTTENUTO,GRAZIE ANCHE AL MIO INTERVENTO DI ROTTURA CHE HA APERTO IL VERO DIBATTITO, E' STATO IL RITIRO DELLA DELIBERA DI GIUNTA DI 222MILA EURO CHE TUTTI I PARTITI SI ERANO AUTOELARGITI PER SOSTENERE LA CAMPAGNA ELETTORALE DEI GRUPPI CHE ESISTEVANO ALLORA.
SUCCESSO IMPOSSIBILE SE I TEMPI NON ERANO GIA' MATURATI, NOI ABBIAMO SOLO COLTO L'OPPORTUNITA' E CI E' ANDATA BENE (GRAZIE ALL'ISTITUTO PER L'INVITO, GRAZIE COME SEMPRE).
ERANO PRESENTI NELLA SALA SEGRETARI POLITICI, DUE O TRE ASSESSORI, ANZI UNO AL TAVOLO DI PRESIDENZA,CONSIGLIERI, IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE , ECC.
ADESSO E'CAMBIATO IL CLIMA, IL QUADRO POLITICO,LA SALA DI INCUBATURA E' FINITA,SI SONO ROTTI GLI EQUILIBRI CON IL BLOCCO SOCIALE SILENTE, PRESENTE E INQUIETANTE,(ANCHE IN QUELLA SALA).
RICORDATEVI ANCHE LA FACCENDA DELL'ACQUA AI PRIVATI,TUTTI D'ACCORDO E POI TUTTI CONTRARI...
E' NATO UN NUOVO SOGGETTO POLITICO INTERESSANTE. SE NON NASCEVA,PROBABILMENTE, SICCOME TUTTO SI PAGA NELLA VITA,SAREBBE RIMASTO A GRUPPI MINORITARI E DI NICCHIA LA RAPPRESENTANZA DELLA DIALETTICA POLITICA APERTA. NOI ABBIAMO PARTECIPATO ATTIVAMENTE ALLA ROTTURA DELLO SCHEMA CHE PREVEDEVA DI VOTARE LA IERVOLINO PASSIVAMENTE E ACCORDARCI SULLE 10 MUNICIPALITA'. ADESSO TUTTO E' CAMBIATO, ROTTO L'EQUILIBRIO MALSANO, E' ENTRATA LA SVOLTA CHE APRE LA FASE NUOVA E NOI LA RAPPRESENTIAMO MERITATAMENTE PERCHE'ABBIAMO LAVORATO E PER QUANTO MI RIGUARDA, SUBITO RAPPRESAGLIE VILI, MINACCE E INENARRABILI SCONTRI INTERNI,AL LIMITE DELLO SCONTRO FISICO, EVITATO PER FUGA ALTRUI, NON SONO UN ENERGUMENO MA NON MI DEFILO MAI, SONO DETERMINATO E NON HO PAURA PERCHE' LA RAGIONE E LA STORIA E' DALLA NOSTRA PARTE.
SAREBBE STATO COMODO ACCETTARE UNA DESISTENZA, UNA NON BELLIGERANZA, SALVARE GLI EQUILIBRI,TACERE E LAVORARE NELL'OMBRA, MANTENERE I DIRITTI ACQUISITI, MA COSA AVREI LASCIATO DI TESTIMONIANZA AI MIEI FIGLI LA RASSEGNAZIONE PAVIDA E OPPORTUNISTICA ITALIOTA'? MEGLIO LA BATTAGLIA SIGNORI MIEI, E CON IL TESTOSTERONE AL VENTO.
SOTTO GUAGLIU'JAMME A PIGLIA' CHELLO CHE E'O'NUOSTE E NISCIUNO CE LA RIALATO!

Nunzio Rovito ha detto...

La cosa più strana che mi è capitata nel corso di questa avventura sono le "apparizioni mistiche". Alcuni amici sanno di alcuni episodi curiosi che mi sono capitati. Una volta mentre ero impegnato ad un bancariello ed apparivo un pò depresso, mi si è avvicinata una ragazza e mi ha detto: stai tranquillo siamo molti di più di quanti voi crediate ... andrete bene. Poi è sparita senza dire nulla.
Questa sera il fenomeno si è ripetuto alla presenza di una testimone oculare. Non sono pazzo! Anche la Tavernini ha assistito ad una di queste apparizioni. Eravamo al bar ed un signore si è avvicinato, mi ha rassicurato e mi ha agurato buona fortuna.
COSE DELL'ALTRO MONDO

Anonimo ha detto...

nunzio... cioè colui cui viene comunicata la buona novella

e meno male che lo slogan è "niente miracoli"

Pier ha detto...

Malvano Sindaco ? Se questo vuole la maggioranza dei Napoletani significa che la Iervolino ha lavorato una schifezza bruciando quanto fatto in precedenza. Se vincerà Iervolino non potrà che ringraziare S. Gennaro non certo i Napoletani che la tengono puntata.
Lei ed i vigliacchi della giunta uscente.
Altro che MRD che noi voteremo in tanti, da votanti pluriennali DS e Rifondazione e pure da attivisti sindacali anche se medi e piccoli.
In bocca al lupo.

PaoloPantani ha detto...

Altro che apparizioni mistiche,
la gente ha paura di esporsi,la cappa di "apparatnik" opprime.
Ma purtroppo devo parlare ancora di un cosa gravissima.
Il corpo di polizia muncipale, principale oggetto di riqualificazione per chiunque dei sindaci che uscirà vincente, sta vivendo un clima estremamente preoccupante.
Oggi a Ponticelli per poco non ci è scapppato il morto.
Si è fatto fuoco contro una moto e per poco non ammazzavano un minore e un meccanico che la guidava, arrestato da medesimi solo dopo che si è costituito ai Carabinieri, mi pare.
Ricordo bene come è finita la breve carriera del comandante Lo Bufalo: pedinato, filmato, intimidito e con il contratto stornato.Il sindaco dichiarò laconicamente buon viaggio alle sue dimissioni improvvise e mai commentate.Credo che si stia creando un clima di allarmismo diffuso, si applicano leggi palesementi incostituzionali, si tollerano gli uligani e gli scippatori, tanto ci pensano i falchi e si perseguitano obiettivi rappresentati da cittadini miti e innocui con gravi sanzioni giudiziarie: ben vi sta, così vi imparate a chiedere la tolleranza zero.
L'interesse della categoria mi pare evidente: non vogliono la video sorveglianza e non vogliono cambiare abitudini, interessi e prassi consolidate.
La categoria è democraticamente rappresentata in consiglio comunale, il sindacato forte,le mele marce,diciamolo pure, molto diffuse. Quello che ha passato il povero Lo Bufalo isolato e cacciato senza nessun commento, la dice lunga.
E' venuto il momento di dire che, indipendentemente dalla campagna elettorale finita, occorre ristabilire un equilibrio degli animi evitando fratture micidiali con cittadini non certamente minacciosi che notano le bande criminali palesemente tollerate
mentre continua la caccia al turista con rolex. Se non ci riequilibriamo siamo alla deriva sudamericana, spero che il sindaco in carica segnali al corpo che non serve la statistica degli interventi a danno degli inermi, ma la statistica degli interventi di prevenzione, repressione e interdizione ai clan egemoni sul territorio.

wonder ha detto...

anche commentando l'ultimo post di marco prima dei risultati, il solito anonimo ripete una delle quattro menzogne: "fate vincere malvano al primo turno". abbiamo ripetuto in ogni occasione in questo mese che se ciò accadesse vorrebbe dire che sarebbe accaduto a maggior ragione se MRD non avesse offerto una possibilità a chi non riesce a esprimere apprezzamento per i contenuti e i metodi di governo del centrosinistra napoletano. mi domando come sia possibile che un argomento di così stringente logica venga negato con tanta ostentata sicurezza. se un danno ha fatto la più recente stagione del centrosinistra qui da noi, è che si appartiene a gruppi e fazioni che non si confrontano, non si ascoltano, non fanno battaglia di idee, non usano la ragione, ma il preconcetto: e i gregari ripetono quello che i capibastone mettono loro in bocca senza metterci un minimo di spirito critico ... eppure 51% fa 51% sia che ci sia un candidato sindaco avversario, sia che ce ne siano due. non vi pare?

Anonimo ha detto...

pantani, togli il maiuscolo che dà fastidio!!!!!!!!

Carla B. ha detto...

Grazie Marco..
Grazie della passione che ci hai trasmesso per questo progetto coraggioso e speranzoso..
Grazie per la carica e per l'intelligenza..
Grazie per averci guardati sempre tutti negli occhi..uno ad uno..dando importanza ad ogni minimo sassolino che abbiamo mosso per questa entusiasmante campagna elettorale..
Grazie perchè Decidiamo Insieme non è un partito ma un'alchimia di tante, tantissime, brave persone.. di buoni sentimenti.. particolari.. che sin dall'inizio hanno messo cervello e cuore in un progetto politico di dignità enorme.. che come tale merita e meriterà sempre rispetto.

In bocca al lupo a tutti noi
Carla B.

PaoloPantani ha detto...

va be' lo so, mo tolgo tutti i maiuscoli.
Comunque visto che continua la litania che la colpa è nostra perchè facciamo vincere malvano allora ve la dico tutta: che vinca pure malvano se deve rimanere questa signora che dice che la colpa è del bayon.
prima se ne vuole andare perchè tiene il fuoco amico,poi torna e dice che l'hanno convinta, si mette in campagna e accusa il governo micragnoso sui fondi e lassista sulla sicurezza, poi dice che gli hanno dato assessori fessi e dopo sono pure sfaticati, la città è sporca perchè i napoletani buttano la cartoscella per terra, le vigilesse chiacchierano fra di loro per strada e compagnia bella.
Non se ne può più di questo scusismo, sembra che la colpa è solo degli altri ma è proprio avvilente,ma come ci porta avanti così?non convince nemmeno la complicità del nuovo governo amico, l'abbiamo già avuto Prodi, ma mica sono arrivati regali, leggi ad - hoc,non ricordo l'eldorado.
perciò se non vinciamo noi, che vinca pure malvano, no problem, facciamo l'alternanza, spariscono fastidiosi apparatnik,arrivano i berluscones liberatori in controtendenza, io comunque mi asterrò e vedremo di farcene una ragione, ma basta con i lamenti postumi

renatoaletta ha detto...

Sono stato per strada al Vomero,a Castel Capuano, a S.Domenico Maggiore, Secondigliano, ho ricevuto tante testimonianze di gente che s'è dichiarata di sinistra premurandosi di prendere le distanze dall'amministrazione Iervolino.

Gente stanca d'essere presa in giro, stanca del presenzialismo elettorale dell'ultimora, di promesse disattese, stanca di credere alla favola che non è possibile governare se non c'è un governo amico, o peggio che ora non si deve negar loro il consenso perchè c'è:

Di Palma alla Provincia!

Bassolino alla Regione!

Prodi al Governo!

Stanca d'esser sopraffatta e considerata , meno di niente, meno di 1, o nient'altro che un numero!

Gente che voleva essere ascoltata e voleva essere rassicurata. Gente ch'è andata via confortata che quell'1 può diventare
+1 e +1...
e che ognuno può consolidarsi parlando con gli altri e produrre ancora un +1...
+1+1+1+1...

Andavano via con un germoglio:
"Vuoi vedere ch'è possibile cambiare! Alzare la testa e dire No! Che questa volta ce la possiamo Fare! Ch'è nostro diritto provarci e nessuno può contrabbandarci l'inconsistenza e l'immobilismo la gestione del potere, quale scelta di coesione o di opportuna gestione politica!

Avere l'opportunità di confrontarsi con questa gente per le strade è stata un'esperienza stimolante ed oltremodo gratificante!

Grazie a tutti.
Renato Aletta

Anonimo ha detto...

GRAZIE MARCO,
GRAZIE per aver abbassato lo sguardo fino a noi e di averci indicato la via.
GRAZIE per la tua parola che ci ha illuminato e fatto capire quello che non avremmo mai capito da soli.
GRAZIE di aver messo la tua faccia e la tua esperienza al servizio della città, senza mai chiedere niente per te.
Il centro storico è tappezzato dei tuoi manifesti nelle zone autorizzate e non: sei in buona compagnia di manifesti di candidati di destra!
Grazie per aver fatto capire a povera gente che basta DIFFERENZIARE LA MONNEZZA PER TRASFORMARLA IN RICCHEZZA.
GRAZIE marco perchè tu che facevi parte della monnezza, differenziandoti, ti sei automaticamente trasformato in ricchezza.
GRAZIE marco,per aver fatto capire che basta trovare un lavoro ai ragazzi per allontanarli dai guai.
Tu lo sai bene , tu che hai sempre lavorato...
GRAZIE MRD, grazie di esistere, questa città aveva proprio bisogno di uno come te, perchè come te ce n'erano già pochi.

francesco de goyzueta ha detto...

qualche amico di destra che è andato al ricevimento per Berlusconi mi ha riferito la sua profonda delusione nel contatto fisico-
Penso che costoro non adranno a votare e quindi comunque sono voti guadagnati alla nostra causa ma quello che li ha più colpiti è l'alterazione totale dei tratti somatici del cavaliere :lo ha hanno definito un alieno, una persona non umana e che sconvolge per la completa innaturalezza e la finzione della personalità solo tesa ad apparire e come se fosse totalmente finto dentro e fuori. Sono parole di persone che esprimono una certa sensibilità e quindi anche profonda delusione per la sua smania di apparire diverso da quello che è.

Anonimo ha detto...

State uscendo allo scoperto: chi dice che per quel che gli riguarda può vincere anche malvano, chi dice che "alcuni amici di destra"..."che berlusconi è finto"...
Peccato che quegli amici hanno già votato per berlusconi alle politiche.
Sento puzza di utili idioti.

Anonimo ha detto...

Anche a me è successa una cosa dell'altro mondo
Si è avvicinato un bambino al bancariello e mi ha detto: non ti preoccupare, il prossimo zecchino d'oro verrà presentato dal nuovo mago zurlì.
Il vecchio mago zurlì è andato in pensione, non poteva reggere la concorrenza di un giovanotto innamorato di sè".
Poi è sparito lasciandomi senza parole!!!

PaoloPantani ha detto...

meglio gli utili idioti con simbolo, sudore, fatica e programma propri che gli utili idioti per l'altrui cupidigia che ci hanno riempito di vergogna e di monnezza in casa e da esportazione.
anonimi compagni pieni di livore da portinaia parigina, venite all'estero, nei circuiti internazionali e europei, osservate come ci guardano incuriositi, dopo la penisola balcanica siamo l'europa più sofferente e la sorpresa è che parlate voi di utili idioti, se siete in buona fede, siete dei creduloni.Ma come si poteva fara a votare iervolino?lo volete capire che se non c'è discontinuità nessuna storia ci assolverà e il nostro declino sarà ormai inarrestabile, se continua questa esperienza mrenzioniera.
Ultima cosa perchè è Domenica : Ciascuno,con umiltà,stimi gli altri superiori a sè stesso.
Filippesi 2:3

PaoloPantani ha detto...

E parliamo anche di calcio, visto che è l'ultimo scandalo nazionale.
Tutti i rampolli italiani sono coinvolti, quasi nessuno escluso.
Io sapevo che è un mondo sordido, ma fino a questo punto!
mio figlio,portiere di squadre amatoriali,il calcio è una metafora, (panem et circenes),è avvilito, peggio e più di prima.
Adesso tocca Borrelli, alla procura di napoli, un'altro scandalo da familismo amorale italiota...
l'integrità, è il nostro problema nazionale, possiamo solo pregare e lavorare e ricordare i nostri illuuministi che ispirarono B. Franklin: Honesty is the best Policy.
Io, facevo un po'di pallanuoto, ho ancora denti scheggiati e cicatrici sulla schiena,ma sempre gratis et amore dei e ne sono fiero.

Tonino Leone ha detto...

e il nano salìcon uno sgabello sul tavolo, prese il pane ( al tarufo e noci) lo mangiò e disse: guardatemi tutti,questo è il vostro corpo, poi prese il calice ( con lo champagne) lo bevve è disse: guardatemi tutti, questo è il vostro sangue: e un 50% di italiani senza "coglioni" lo votò

Anonimo ha detto...

Vogliono solo mietere terrore.Sono in Tanti a dire in questi giorni che votare mrd significa disperdere i voti nonostante la matematica non sia per l'appunto un opinione.ma a napoli si preferisce "conservare" in parecchi campi.L'innovazione è vissuta con pregiudizio e con paura,salvo poi sorprese della maggioranza silenziosa che in queste elezioni farà la differenza, ci sarà la sorpresa ne sono certo...e lasciate cuocere l'anonimo iervolin-bassoliniane nel suo brodo di rabbia...fatelo sfogare...a me fa solo ridere uno che parla cosi :UNO CENTO MILLE MAGHI ZURLì COSì...

Tonino Leone ha detto...

Rosetta si alzò e senza megafono disse:io sono il pane migliore a napoli poi i tartufi il governo ostile non c'è li ha mai mandati, poi cercò il calice, non lo trovò e disse: non sono stata io, non bevo neanche:ed un 50% di "coglioni" pensò di votarla

Anonimo ha detto...

I pappagalli hanno più fantasia nel ripetere le parole.E' stravagante di come persone che si ritengono umane ripetano pedissequamente la parole di una burattina,manovrata da un povero mentecatto della politica.Sono degli insulti ?No, delle semplici constatazioni.Siete finiti.Cmq vada c'è un germoglio in questa città alla faccia vostra che stà nascendo.Uno, due consiglieri? Non importa .Ballerete l'alligalli.Vi ha scaricato addirittura Fassino che è un uomo sicuramente più intelligente dei capataz del suo partito in questa città.
P.S. più che sogni le vostre sono le "pippe" che vi fate alle spalle della ciià da 14 anni in qua.
Questo potete ritenerlo anche un insulto, tanto per voi anche una virgola lo è .

Tonino Leone ha detto...

Sono ansioso di conoscere i risultati, anche per capire quanta gente si è svegliata ed ha i coglioni a differenza di quelli che lo sono perchè votano la sxjervolino

Anonimo ha detto...

"Non c'è li ha mandati?" perchè t. leone non impara l'ortografia? potrebbe andare a ripetizione dal maestro.
Non so chi è un coglione o chi ha i coglioni, ma una cosa è certa, berlusconi ha fatto breccia nei vostri cuori.

PaoloPantani ha detto...

Ma mica solo fassino,cari amici anonimi,allora cominciamo:peppe russo, gennaro mola, gianni squame,amedeo lepore,berardino impegno,leonardo impegno,aldo cennamo,tonino napoli, maurizio valenzi,barbieri,masullo,ecc.
Non mi voglio auto-censurare ma mi pare che anche voi anonimi siete pronti a saltare sul carro (ennio flajano insegna).
Se foste persone libere lo avreste già fatto,per questo motivo vi limitate a scrutarci,a provocarci,pronti a capire dove punge il vento, è il vostro stile.
a noi rimane il sorriso sotto i baffi,sapremo accogliervi, siamo liberi e consapevoli, voi aspettate e comprendiamo le convenienze, le opportunità, gli obblighi istituzionali.
Ma siccome tutto si paga nella vita, anche a voi toccherà dire che sono stati anni di buio, di afasia politica che hanno pagato i più deboli,categoria che dite di difendere.State pur certi che non vi faremo sconti, a ciascuno il suo, ma fate presto, opponete il voto disgiunto,perchè il carro della storia è in marcia e chi lo ferma più.

Tonino Leone ha detto...

e soprattutto nei vostri c..i

Tonino Leone ha detto...

P.s. non mi voglio giustificare però quando scrivo lo faccio d'impulso e non rileggo quanto ho scritto, penso a quello che voglio dire e non a come lo srivo, il mio livello culturale come direbbebbe l'arboriano Catalano è molto basso, ma esserne consapevoli è già una grande conquista, per quello che ti riquarda anonimo delle 17.08 nelle redazioni dei giornali solitamente i correttori di bozza fanno quello e basta e non scrivono, per il commento sul tuo nano ti ho già risposto, o vuoi sapere che "c'è" al posto dei puntini?

Giacomo Nardone ha detto...

Non so se sentirmi utile idiota, amche un po' puzzolente, oppure coglione.

In tutti i casi mi sento molto bene, fiero di quello che faccio.

E non mi ci potrei sentire se non pensassi ai sorrisi e agli sguardi di tutti quelli che hanno lavorato, molto più di me, in queste settimane.

Più di tutti vorrei ringraziare Virginia. E ciascuno di noi può immaginare che va ringraziata per l'infinita pazienza dimostrata.

E se qualcuno avesse remato contro, ringrazio pure loro per averci tenuto in allenamento: non si accorgevano di essere in una canoa molto lunga, con tanti rematori nella direzione giusta.

E ringrazio il timoniere. Che ancora un po' dovrà lavorare per tenere la rotta, poiché oggi e domani non sono l'ultimo sforzo, comunque vada.

E ringrazio chi mi sopporta, in generale, che sò di essere il re dei rompip...

Giacomo Nardone
(Candidato al Consiglio Comunale con decidiamoinsieme per Marco Rossi Doria Sindaco)
(www.ilrelativista.it)

dimenticavo qualche altro attributo personale:
(radicale)
(utile idiota coglione)
(bisessuale, negro, ebreo, comunista...)

Anonimo ha detto...

Tonino Leone lasciali perdere, si appigliano alle virgole ( che loro intendono anche come insulti).Non ne vale la pena.Stanno solo morendo politicamente e non hanno altri argomenti.Ricordarti, che da questa parti dovranno venire in caso di ballottaggio, molto probabile, e dovranno in quella occasione ringoiarsi la cacca ( si può dire , è italiano...) che hanno versato su questo blog da quanto è nato .Vedrai come diventare melliflui e concilianti.
Bisogna solo aspettare.
Anomino delle 16.28

Tonino Leone ha detto...

L'affluenza al voto è bassa, a napoli sono finite le mollette per il naso

Anonimo ha detto...

Ci divertiremo, vedrai.

PaoloPantani ha detto...

ho visto il mio seggio, salutato i colleghi di servizio elettorale, ho capito il clima.
lo schieramento malvaniano è in campo tutto mobilitato: componenti istituzionali e anti-istituzionali in diversi crocchi, ma presenti e occhiuti.
che strano paese! ho salutato i nostri candidati, aspetto pallido e trascurato,preoccupati e soli.
purtroppo il troppo potere ha annichilito la militanza, quanti consensi stiamo perdendo in queste ultime ore,che peccato!
tutti mi conoscevano e sapevano a chi davo il voto,è un classico a Napoli, il voto non è soltanto palese, è emblema personale, di una storia fin troppo testimoniata.
si poteva fare di più,maggiore apertura,più pathos,più anima.
è il nostro problema,le elìte si chiudono e il popolo non capisce, si sente abbandonato e vota chi lo ascolta e lo aiuta a prescindere.
occorre mettere mano al più presto ad azioni territoriali, aprire un front-office a livello di strada, bisogna agire subito prima che il vecchio torni e restauri.

Anonimo ha detto...

Ma come fai a trovare anche il tempo per scrivere un articolo così lungo e ponderato? Comunque vada, è una promessa per il futuro. In bocca al lupo a te e a Decidiamo insieme.
Enrico M.

wonder ha detto...

cari bloggers,
dalle 15,01 di domani comincia il gioco grosso: comunque sia andata bisognerà fare politica, diversa e partecipata, ma politica. Per stasera mi limito a regalarvi una citazione: «Solo coloro che hanno il coraggio di affrontare i grandi insuccessi possono ottenere grandi successi.»
Robert F. Kennedy

Anonimo ha detto...

L'affluenza al voto è bassa, a napoli sono finite le mollette per il naso

è grandioso tonino leone

PaoloPantani ha detto...

ma mica è lungo l'articolo, capire il clima è facile, basta saper leggere il territorio, le facce,le situazioni,i compromessi, le desistenze, gli accordi taciti, i linguaggi del corpo.
Vedi, caro enrico, capire i napoletani non è difficile,è impegnativo, appartengono a gente antica a cui si convengono tempi non convenzionali.la cosa grave e buffa in se del paradosso napoletano, è che altrove
"simme e' meglie" e con la competizione ci mettiamo tutti in tasca, a casa ci combattiamo in mezzo alle nostre stimmate asimmetriche e antiche e ci annichiliamo a vicenda , con risultati pressocchè nulli.Quando lavoro fuori Napoli mi sembra di essere un torero che si cimenta con una vecchia vacca, mentre a
casa, altro che un toro miura!

Anonimo ha detto...

Paolo Pantani sostiene, in privato, che voleva candidarsi e gli sono stati chiesti dei soldi per farlo. Prego confermare o smentire

Pietro Spina ha detto...

ho visto sul manifesto elettorale che ieri era il compleanno del mio conterraneo enrico rebeggiani.
tanti auguri paesà!

ps. anch'io sono contento per quello che abbiamo fatto, lo ritengo importnate e credo che tutti coloro che fanno politica a sinistra con una certa intelligenza (e sono tanti) e in buona fede (e sono un po' meno) hanno ben capito che il movimento "decidiamo insieme" è una realtà, un'opportunità e una delle novità più importanti degli ultimi anni. Per questo sono contento di starci dentro, insieme a rossi doria e a tanti altri. però per favore evitiamo i toni "giubilari" che a volte vengono fuori in questo blog. puzzano un po' di autoesaltazione e cultodellapersonalità e poi... ci prendono per il c...
:)

Asterix ha detto...

Sono esterrefatto per quanto leggo in questo blog: ormai siamo alle crisi mistiche, alle preghiere di ringraziamento per il nuovo Messia, all'esaltazione incontrollata, agli insulti feroci verso chi non è con voi, che sarebbero "pieni di livore" solo perchè non siete riusciti a circuirli. Un vero schifo, insomma, da voltastomaco. Eh, sì, anche voi rappresentate un altro pezzo di storia della nostra povera Napoli su cui ognuno è pronto a farsi bello. Spero solo che non facciate troppi danni.

S.P.Q.R.
(Sono Pazzi Questi Rossidoriani)

wonder ha detto...

caro asterix, capisco le tue perplessità, ma hai mai letto qualcosa sulle situazioni "allo stato nascente"? Va bene pure "Innamoramento e amore" di Alberoni: decidiamo insieme è una entità allo stato nascente, non è un partito, non è ancora un'organizzazione strutturata, questo blog è del tutto libero, etc. ... E' sovente un coacervo di emozioni. E, credimi, la politica ha anche una forte componente emozionale. Cerchiamo ora tutti di riprendere il controllo della razionalità, ma non priviamoci di un pizzico di emotività: fa bene alla salute!!! Quanto ai danni, non so tu come ti collochi, ma i danni fatti a Napoli da un centrosinistra oligarchico e autoreferenziale fanno il paio con l'ambiguo populismo del centrodestra. Nessuno è perfetto (e poi un minimo di ironia, prego!): rimettiamo al centro le cose serie, forse c'è da fare il ballottaggio!!! rifatti vivo se ti va.

PaoloPantani ha detto...

ma figurarsi, in
"decidiamo"i soldi si cercano ma mica si offrono, mica abbiamo la cascia della regione, della provincia, del comune, della merrill linch che avete voi, a proposito, qualcuni ricorda i nomi del nucleo di valutazione..di quell'ufficietto a londra...
Caro anonimo, ti prego fatti
conoscere, ti offro un caffe', così parliamo un poco anche di te e dei tuoi amici.
Comunque grazie per la domanda perchè io essendomi candidato a chiaia sono stato in aspettativa senza assegni perdendo 350 euro e ne sono onorato anche se la LISTA è STATA SILURATA, TUTTO SI PAGA NELLA VITA, MEDITATE ANONIMI, MEDITATE.fra poco apriremo il libro dei conti...

Asterix ha detto...

Come volevasi dimostrare Pantani, sei quello che sei.

Poverino, sei stato in aspettativa, e ora ti sei impoverito, quanto mi dispiace...Quanto agli anonimi, com'è che non vi infastidiscono quelli che vi incensano?

SPQR

wonder ha detto...

asterix, non ti sovviene che rischi di avere gli stessi difetti di quelli che critichi? ti mando una parola autorevole: "Per fare buona politica non c'è bisogno di grandi uomini, ma basta che ci siano persone oneste, che sappiano fare modestamente il loro mestiere. Sono necessarie: la buona fede, la serietà e l'impegno morale. In politica, la sincerità e la coerenza, che a prima vista possono sembrare ingenuità, finiscono alla lunga con l'essere un buon affare". (Piero Calamandrei)Magari ce la leggessimo tutti ogni mattina!!!

la vecchia zia ha detto...

carissimi tutti,
manca un'ora e mezza all'inizio dello spoglio. penso che abbiamo fatto insieme una grande esperienza politica ed umana. per quanto mi riguarda, i miei ultimi ricordi del genere avevano ormai più di un decennio. non buttiamola via! adesso c'è da fare il nuovo passo in avanti: capire, riflettere, ragionare. grazie a marco e a tutti, anche a quelli che in questo blog vivono con difficoltà e livore la nostra "esistenza in vita". ora dimostriamo di saper utilizzare positivamente quello che abbiamo fatto!!! in bocca al lupo alla nostra "infame" città (anomimi e detrattori, non vi allarmate, la chiama così Annamaria Ortese in un suo libro).

daniela (lepore) ha detto...

Sono d'accordo con la vecchia zia. Magari perchè sono anche io una vecchia zia.
E sono d'accordo con wonder: bisogna fare politica. Quella alta. Ora più che mai. Qualsiasi cosa venga fuori dalle urne.

Inoltre. Per l'anonimo delle 8.26 che chiede se c'era da pagare per candidarsi, smentisco nella maniera più netta e decisa. Ufficialmente. Qualunque cosa vada eventualmente dicendo Paolo Pantani.

Infine, pregherei lo stesso Paolo Pantani di contenere un po' il suo interventismo. Non entro nel merito dei suoi multiformi interventi, e qui non ci sono censure, però a volte sembra di essere sul suo blog, invece che su quello di MRD. Senza dire che un po' di auto-disciplina - e magari anche un po' auto-ironia - non guasterebbe ...

Anonimo ha detto...

e questi sono proprio gli eredi di chi non lesse il libro della Ortese e cominciò a sputarle addosso...

la vecchia zia ha detto...

anonimo mio, e perché mai saremmo eredi di chi denigrò la ortese? spiega prego, davvero non capisco il sillogismo.

PaoloPantani ha detto...

Ma guardate che è la legge elettorale che prevede l'aspetttativa agli interni all'amministrazione, dichiararlo è un atto dovuto perchè molti interni non l'hanno fatto e saranno ineleggibili, circa centocinquanta e credo sia utile saperlo PER QUANTO CI RIGUARDA, R. io l'ho fatto malgrado l'attendismo, accordo si accordo no, con decorrenza 24 aprile. Confermo l'ho fatto e lo considero un onore che mi compete e mi spetta e lo dichiaro apertamente, ma che c'è di strano? lo prevede la legge e conseguentemente l'ho fatto e tu cara daniela non centri, puoi anche tacere non ti riguarda c'è la privacy in Italia.

PaoloPantani ha detto...

credo che daniela è proprio una vecchia zia,eccola la autoironia..
Il valore d'uso utile è che ci interessa capire quali saranno gli interni eletti, ma non in aspettativa e quindi non ammissibili alle cariche in palio. Non so se mi son spiegato qual'e l'obiettivo.

wonder ha detto...

Visti i primi exit poll, ve lo scrivo di nuovo: «Solo coloro che hanno il coraggio di affrontare i grandi insuccessi possono ottenere grandi successi.»
Robert F. Kennedy
E COMUNQUE ASPETTIAMO!!!!

Anonimo ha detto...

tra il tre e il cinque non sarebbe mica un insuccesso...

grigio ha detto...

Vorrei solo commentare il biglietto da visita con cui la stragrande maggioranza dei partiti politici si è presentata a questa città, grazie a questa campagna elettorale:

i) con i soldi dei contribuenti si è provveduto a renderla un letamaio.
Sebbene nessuno se ne renda conto anche un consesso urbano E' UN CONTESTO AMBIENTALE, anche se abitato in maggioranza da soli umani.

Lo schifo espresso da "campagna selvaggia" è sotto gli occhi di tutti e come al solito i cittadini contribuenti hanno subito e subiranno la solita "legge del più forte".
ALLA FACCIA DEL BUON GOVERNO ! prego vi siete accomodati, fate pure ! ma non vi permettete di nominare mai più la parola munnezza, perchè vorrei sapere in primis A CARICO DI CHI SAREBBERO LE ALIQUOTE DI TASSE SULLA SPAZZATURA che occorrerebbero per togliere le migliaia di tonnellate di cartacce elettorali di cui siamo inondati e che-al meglio-dovremo esportare in germany a suon di sonanti eurini.
Vorrei anche che il primo atto del prossimo sindaco, dato l'accento sul testorene di alcuni post più su, sia di comunicare alla cittadinanza il numero e l'entità di multe erogate a "candidato/a selvaggio". A occhio e croce ce ne sarebbe da ripianare il debito appena, appena "rinegoziato" in quel di Londra !

ii) sempre con i soldi dei contribuenti si è provveduto a candidare (dio mio per quel pezzetto di potere venderei altro che mia nonna !) gente patentemente ineleggibile (la cui campagna è stata comunque pagata dai contribuenti) e non solo. Tra i candidati è ovvio che ce ne sono assai, ma proprio assai, per chi sappia - come dice paolo - appena appena "leggere" la città, che pure se personalmente "con fedina pulita" è pura espressione del marcio di questa città.
La politica è assai debole -anzi inesistente e ostaggio del marciume- quando si ripara dietro le sottane del "finto garantismo", ha come sola guida sempre "la sottana del codice penale" e non ha neanche le palle, sebbene il codice glielo spiattelli insieme al prefetto, di nominare il proprio marciume.
'Ma qua' privacy e privacy, ma fatece 'o piacere......

iii) sempre con i soldi dei contribuenti, e data la "maglia larga" dei partiti politici, si provvederà a dotare di un reddito "di servizio alla comunità" questa gente di cui sopra che provvederà a curare "gli interessi". Di chi ? Ma certamente di quel filo invisibile che lega napoli da parte a parte e che concomitantemente, opprime nella quotidianetà quei gran fessi dei contribuenti !!
Ma tu 'cche buo', ne'..ma pensa 'a campa' !

iv) grazie alla "maglia larga", la campagna elettorale è stata di tipo tautologico; di che si è parlato ? Beh: maggioranza assoluta.... degli infiltrati nelle liste e dei telefonini alle urne !
Chi l'ha ascoltata ? Beh, sempre quei fessi dei contribuenti !!
Scusate' ne' signuri'...ma chiagnite sulament' ? Nuie futtimm' !

Ergo, al solito si è svettato (mon dieu !)

Un grazie al prefetto.

francesco de goyzueta ha detto...

Proiezioni Piepoli:Iervolino 49/52%
Malvano 40/43%
Gli altri partiti intorno all'8%.
Contro i suoi meriti la Iervolino rischia di essere gratificata oltre misura:chi la ferma più sul piano della saccente arroganza dal momento che non riuscirebbe mai a capire che il suo successo è dovuto solo alla preoccupazione di evitare che la Città vada nelle mani di una destra aggressiva e rabbiosa che vuole prendersi una rivincita fine a se stessa: quindi una scelta determinata in funzione del male minore.
Il margine di Rossi Doria si attesta intorno ad un 4/5% e solo se la Iervolino si arenasse intorno al 50%, Egli costituirebbe un apporto determinante.

Anonimo ha detto...

lucido, de goyzueta!

PaoloPantani ha detto...

aspettiamo, i seggi pilota non sono affidabili, andiamo al cinema

giovanna grimaldi ha detto...

a napoli, nel 2001 i voti validi sono stati 538.000.

Il 3-5% corrisponderebbero a circa 16000-25000 voti.
Il 50% a circa 270000 voti.
Ovvero il 3-5% di MRD e decidiamo insieme corrisponderebbe ad uno dei primi schieramenti di area csx (intorno al 10%, sebbene dissenziente).

Bene.

Anonimo ha detto...

Al cinema, a vedere cosa, un film sul naufragio della nave Doria ?
Scherzi a parte, penso che sia stato forte l'effetto l'effetto Berlusconi nei due schieramenti, a destra ha fatto aumentare i consensi per Malvano, senza il milanese sarebbe sceso sotto il 40%, e a sinistra ha fatto crescere i consensi della Iervolino oltre ogni merito,la paura di una vittoria della destra più becera ha tolto voti a Rossi Doria. Questa almeno secondo la mia opinione, mi domando però se Rossi Doria è intorno al 4-5%, la sua lista a che percentuale è ? Penso ancora minore, visto che il voto disgiunto è stato praticato da alcune persone che conosco, me compreso.
Cordiali saluti a tutti, Leonardo.

Anonimo ha detto...

bello,ciao,bellociao,bello ciao,ciao

Anonimo ha detto...

caro anonimo delle 17:15 ovvero bello,ciao,bellociao,bello ciao,ciao

sembrerebbe che stai vincendo (capirai, ma napoli vince ?) ....ma manco così c'hai i cosidetti per qualificarti con nome e cognome ????


un anonimo come te, ma solo per rispondere proprio a te

Anonimo ha detto...

Elezioni amministrative. Napoli, indagati due candidati della Margherita per voto di scambio

Napoli, 29 maggio 2006
Due candidati della Margherita alle elezioni amministrative di Napoli sono indagati nell'ambito dell'inchiesta della Direzione distrettuale antimafia su presunti rapporti di voto di scambio con esponenti della criminalita' organizzata.

I due, secondo quanto si e' appreso, avrebbero ricevuto un invito a presentarsi per domani in procura, dove saranno interrogati dai magistrati.

Si tratta di Salvatore Esposito, di 48 anni, e Enrico Campagna, di 46. Esposito è candidato al consiglio comunale, Campagna alla seconda Municipalita' (Avvocata Montecalvario Mercato-Pendino San Giuseppe-Porto).

L'ipotesi di reato formulata dai pm è di voto di scambio, nonche' 416 ter (promessa di voti in cambio di somme di denaro, in contanti e assegni).

I due candidati sono indagati in concorso con Francesco Angri e Vittorio Di Napoli, indicati dagli inquirenti come "notoriamente appartenente alla criminalita' organizzata e, in particolare, alla associazione camorristica denominata clan Faiano, facente capo alla famiglia De Biase". Di Napoli e Angri sono tra i cinque destinatari dei decreti di fermo emessi dalla Dda di Napoli.

Le indagini che la procura sta conducendo in relazione alle denunce, presentate da numerosi candidati, riguardanti la regolarita' della campagna elettorale, hanno portato questa mattina al fermo di cinque esponenti del clan Faiano, attivo nei Quartieri spagnoli di Napoli, accusati di estorsione aggravata, scambio elettorale politico-mafioso e violazione della legge che regola le elezioni amministrative.

Attraverso intercettazioni telefoniche risulta che alcuni candidati avrebbero "appaltato" la campagna elettorale ad esponenti della camorra, pagandoli in cambio della promessa di voti e della garanzia dell'esclusiva per l'affissione di manifesti in determinate zone, che prevedeva anche forme di intimidazione verso i candidati avversari.
Uno dei cinque fermati, cui era stata affidata secondo i magistrati l'organizzazione della campagna elettorale nei Quartieri spagnoli, era addirittura agli arresti domiciliari e privo dell'elettorato attivo, a seguito delle condanne gia' riportate.

Dalle indagini e' emerso che, oltre alla presenza di candidati gravati da precedenti penali che hanno falsamente dichiarato di essere in possesso dei requisiti di eleggibilita', altri sono stati sottoposti a minacce e intimidazioni, finalizzate al pagamento di vere e proprie tangenti, come il caso di un candidato alle Municipalita' al quale il clan Faiano aveva chiesto 2500 euro per poter svolgere la propria campagna elettorale ai Quartieri spagnoli.

Secondo la procura di Napoli, le indagini svolte "hanno rivelato uno spaccato allarmante dell'attuale campagna elettorale".

http://www.rainews24.rai.it/Notizia.asp?NewsID=61909

Anonimo ha detto...

e che blog sarebbe mai??????
riguardo ai "cosidetti",mi ricordi le esortazioni di berlusconi.

e mai possibile che alla fine c'è sempre un richiamo ad una virilità
se le cose vanno male....
accettatele ,forse è un po anche colpa vostra
comunque sono una giovane ed attraente fanciulla, quindi...

Anonimo ha detto...

cara fanciulla per tripudiare maggiormente guardati il post delle 17:43

e mò rimme 'nu poc' a chi o' dici ciao bello ciaociao ?

wonder ha detto...

cara giovane e attraente fanciulla, noi siamo comunque contenti che napoli non sia caduta in mano alla destra. ma tu perché non ti godi la vittoria, invece di godere del mancato exploit (ma è poi davvero così???) di chi sta dallo stesso lato della barricata? vecchio vizio stalinista quello di indivudare l'avversario in casa ... Fa' come ti dico, e la tua prospettiva esistenziale, credimi, ne trarrà giovamento .....

Anonimo ha detto...

a napoli esiste la camorra!!!!!!
bisognava aspettare la candidatura di un cinquantenne,appoggiato da altri cinquantenni, per saperlo.
e voi cinquantenni dove vivete ,quali comodità vi permettono di sopportare una città così?????
dove "risiedete",in quale quartiere???

giovanna grimaldi ha detto...

http://amministrative.interno.it/amminis/amm060528/D0510490.htm

8 sezioni su 886

RUSSO IERVOLINO ROSA 77 57,9 %



MALVANO FRANCO 49 36,8 %



ROSSI DORIA MARCO 4 3,0 %



TRAMONTANO ANGELO 2 1,5 %



LAURO SALVATORE 1 0,8 %



SITO LUIGI 0 0 %



ESPOSITO MARIO 0 0 %



Totale 133 100,0 %


Ma ci stanno meno di venti elettori per sezione ?

Anonimo ha detto...

alla fanciulla attraente: ma sei proprio contenta assai del centrosinistra cittadino? e allora sii felice: la iervolino vince al primo turno! noi abbiamo un progetto, e va ben oltre queste elezioni: che bisogno hai di vituperare?? dàtti una calmata e vai a festeggiare, invece di dire a noi che le cose "vanno male". a me pare che vadano piuttosto bene, più del 4%, più di mastella, dei verdi, dei comunisti italiani ... vuoi vedere che c'è un popolo di centrosinistra che vuole cambiare il centrosinistra senza augurarsi che perda? fate qualcosa di più: abbiate spirito aperto! magari se a roma e torino il centrosinistra stravince, rifletti perchè a napoli non va nello stesso modo. o no?

silente dissidente ha detto...

potevamo fare meglio,e fare di più.
abbiamo sbagliato molte cose,forse troppe,però le motivazioni erano e restano sacrosante.
lasciamo stare i saluti e le invettive e sè possibile concentriamoci sul da fare ,non sprechiamo quello che tra mille difficoltà e tante incomprensioni è stato costruito ,non servirebbe a nulla

Anonimo ha detto...

all'anonimo delle 18:27

no caro (o cara ?) o' sapimm' ch'a ce sta'.
però nun' c'accattamm' e vot'

bye bello(a) bye bye

giovanna grimaldi ha detto...

Il mistero si infittisce

http://www.elezioniamministrative.interno.it/amminis/amm060528/D0510490.htm

12 sezioni su 886

Liste Candidato Voti
RUSSO IERVOLINO ROSA 122 58,4 %
MALVANO FRANCO 77 36,9 %
ROSSI DORIA MARCO 6 2,9 %
LAURO SALVATORE 2 0,9 %
TRAMONTANO ANGELO 2 0,9 %
SITO LUIGI 0 0 %
ESPOSITO MARIO 0 0 %

Totale 209 100,0 %

12 sezioni su 886 sono circa l'1,5 %.
Ovvero alla fine x statistica dovremmo finire a 30.000 voti validi.

peccato ci siano in media 1000 iscritti per seggio.

Nazarin ha detto...

Ah! Se penso a quelli che ci hanno afflitto sostenendo che avremmo favorito la vittoria di Malvano...
comunque la percentuale in sè non è malvagia. Mi spiace onestamente che la Iervolino vinca al primo turno. Per me non è una bella notizia

giovanna grimaldi ha detto...

Ricompaiono i voti

21 sezioni su 886 sezioni

RUSSO IERVOLINO ROSA 2.744 60,6 %
MALVANO FRANCO 1.644 36,3 %
ROSSI DORIA MARCO 70 1,6 %
LAURO SALVATORE 22 0,5 %
ESPOSITO MARIO 21 0,5 %
TRAMONTANO ANGELO 13 0,3 %
SITO LUIGI 11 0,2 %
Totale 4.525 100,0 %

Ancora, le 21 sezioni con 4.525 voti validi rappresentano solo meno dell'1 % dei voti attesi (almeno attorno a 550.000). I seggi scrutinati finora sono marginali e di realtà assai specifiche (la maggior parte dei 21 seggi sono atipici e con pochi votanti).

PaoloPantani ha detto...

guardate che comunque vada abbiamo già vinto, prima non c'era nulla,solo un plumbeo grigiore, adesso ci sono qualche decine di migliaia di persone libere che dicono con forza una piccola verità: e cioè che non esiste il buon governo a Napoli.
comunque ripeto, aspettiamo, ma chi si fida..
Sapeste quante cose si possono fare con due consiglieri fieri e autonomi in quel parco buoi di consiglio e con tutti queste questioni appese: acqua, ato2, rifiuti, Bagnoli,Napoliest, sviluppo,camorra, federalismo, costituzione, senato federale, revisione del concordato, revoca della riforma moratti,della legge galli, avete voglia a sfiacchirvi e poi ci sono le municipalità... altro che buongoverno, ma fateci il piacere.

daniele coppin ha detto...

Le urne si sono aperte da alcune ore e, al di là delle incertezze intrinseche delle proiezioni statiche, un risultato è chiaro: Rossi-Doria ha raccolto meno di quello che sperava.

Qualunque altra valutazione risulterebbe come i soliti, patetici equilibrismi dialettici tipici del mondo politico italiota quando si deve giustificare un insuccesso.

Per quanto riguarda il "vecchio vizio stalinista di individuare l'avversario in casa", come afferma wonder, chi è senza peccato scagli la prima pietra...

Come scrive silente dissidente si è molto sbagliato, credendo che Decidiamo insieme rappresentasse uno spaccato della società napoletana, mentre, in realtà, rappresentava solo uno dei blocchi sociali, quello dei borghesi laureati, benestanti, che "presidiano", oltre a presiedere, i luoghi di sottopotere (Università, centri di ricerca, centri di formazione), magari grazie ad una contiguità con i partiti che ambivano a spodestare.

Come scrissi tempo fa, la maggioranza degli elettori è fatta di gente che quotidianamente si confronta con quei problemi che a molti su questo blog, in "Decidiamo insieme", ai tavoli tematici sembravano questioni minori. Si è preferito ragionare sui massimi sistemi, rinunciando ad elaborare un programma comprensibile ai più e privo di errori che evidenziano una "ignoranza" (intesa nel senso di scarsa conoscenza) di alcuni dei temi trattati.
Fatta eccezione per i rifiuti e qualche altro punto, molti erano i punti di debolezza del programma, che si aggiungevano ad un'oggettiva debolezza della lista.

La speranza di "Decidiamo insieme" si è tramutata, per me, in una delusione già diverso tempo fa. Ma la cosa peggiore è che gli errori si siano perseverati nel tempo ed abbiano "contagiato" lo stesso Marco Rossi-Doria, che si è circondato di persone allineate, senza prestare ascolto alle voci di dissenso. Questa uniformità di vedute, a dispetto del principio di eterogeneità di vedute intrinseco nel concetto di democrazia deliberativa, ha contribuito ad allontanare, nelle ore che hanno preceduto il voto, molti elettori di sinistra, pur delusi dalla Iervolino, da Marco Rossi-Doria.

Credo che ci siano molte cose su cui qualcuno dovrà riflettere, anche perché, proprio sui problemi evidenziati da paolo pantani, il programma di Rossi-Doria era estremamente carente di idee e proposte, nonostante i contributi forniti dai tanto vituperati tecnici che avevano aderito con entusiasmo a questa iniziativa.
In una parola, quale contributo a questi problemi potrebbero dare eventuali consiglieri privi delle competenze e del necessario supporto tecnico scientifico. Sempre che “Decidiamo insieme” non faccia un passo indietro e, dopo tanti proclami contro la Iervolino, non decida di appoggiare la nuova giunta comunale.

Tonino Leone ha detto...

Io credo molto più semplicemente che la gente nonostante si lamenti, alla fine si fa dire chi votare, ed in questo gli apparati dei partiti più radicati hanno gioco facile

daniele coppin ha detto...

Per quanto attiene gli interventi di Paolo Pantani, che non conosco personalmente, credo che su di un blog tutti abbiano diritto d'intervenire come meglio credono. Se si ritiene di dover porre dei limiti agli interventi organizzate diversamente il blog ma evitate, per favore, di fare lezioni inopportune. Il principio è sempre stato di lasciar parlare tutti (compresi quelli che non sapevano di cosa parlavano) e, quindi, lasciate che tutti parlano altimenti si rischiano brutte cadute di stile.

daniele coppin ha detto...

Per Tonino Leone.
Ognuno è libero di pensare ciò che crede o che trova più rassicurante credere. Ma la vita insegna che bisogna misurarsi con la realtà. Quindi delle due l'una: o la gente non si è fidata di MRD, e quindi significa che gli errori ci sono stati; oppure la gente, come dici tu, si lascia convincere, e allora non ha alcun senso tentare un'avventura politica in questa città.
Io ritengo che sia sbagliato ritenere gli elettori degli stupidi: si rischia di fare la fine di Berlusconi & C., dimostrando una presunzione ed un senso di superiorità tipici di una certa sinistra stalinista a cui tanti nostalgici del '68 che dopo essersi adeguati per convenienza alle abitudini borghesi, sono confluiti in "Decidiamo insieme".

PaoloPantani ha detto...

E vabbè daniele coppin, i limiti, il programma, i parchi pedagogici, ma è inutile recriminare, meglio una cosa tentata che una non provata nemmeno e poi il mini-apparatniki associativo, hai ragione, mi fa sorridere veramente, ho combattuto ben altri apparati. Ma adesso lo sappiamo che fare,a questo servono le liste associative, prendiamo un'altra iniziativa e contininuiamo,diamoci una sede stabile, difendiamo la costituzione, facciamo il nuovo partito democratico,vediamo cosa cosa nasce da questa esperienza.

Tonino Leone ha detto...

Confrontarsi con la realtà è anche ascoltare la gente comune che continuamente si lamenta malamente dei disagi di Napoli,o tu conosci tanta gente soddisfatta quanto la percentuale che ha sostenuto la Jervolino?Tornando a decidiamo insieme io credo che sia stata una giusta scelta, ed un passo importante per iniziare a cambiare qualcosa, contare quanti l'hanno capito è poi sapere su quanti contare per continuare

PaoloPantani ha detto...

Altro mix-crossing è divertente, non ci conosciamo nemmeno;daniele, lassa perde so' ragazzi, se vonno divertì se no che ce stanno a ffa' so' autoironici senza volerlo...

ex silente ed ancora dissidente ha detto...

"la gente non si è fidata di mrd"
io credo che si sia verificata un'altra cosa ancora più specifica.
la "gente" non ci ha più appoggiati quando siamo stati individuati come "avversari" ,quando non abbiamo accettato nessun accordo.
a torto o a ragione questa scelta è risultata ai più incomprensibile.
era sotto gli occhi di tutti ,questa semplice realtà.
solo un'organizzazione "costruita" su misura per non recepire gli "umori" del potenziale elettorato, poteva DELEBERATIVAMENTE non vedere ,non sentire, non voler capire.
molti su questo stesso blog hanno scritto "fateci sognare"
purtroppo "l'efficacia" dei sogni se non dannosa è nulla.

PaoloPantani ha detto...

ve benissimo, riconfermate tutta la giunta, fessi e sfaticati compresi,squadra che vince non si cambia, le 16 componenti in scadenza all'ato2, confermatele tutte,(prima favorevoli e poi contrari all'acqua ai privati), i dirigenti esterni tutti valori aggiunti,la piazza telematica a scampia funziona benissimo,il tappetino a Bagnoli ma ne vogliamo uno più grande,i rifiuti a Napoli sono una bellissima gestione,gli stipendi gonfiati(ma quando mai?) chiudiamo l' assise di palazzo marigliano con un party a favore del nuovo sindaco e arrivederci al 2011.
la camorra non esiste e se esiste non inquina noi..
se pensate che queste cose sono vere dimostrateci a fine giugno che vincerete il referendum sulla costituzione, questa è una battaglia ideale senza clientele da scatenare, vediamo.

Anonimo ha detto...

Se non ci fosse stata l'esperienza di MRD e di Decidiamoinsieme non solo non avrei votato ma credo non avrei seguito la politica per un bel pò. E' stata comunque una bella avventura che non deve finire qui.
Daniele

Nazarin ha detto...

Ho sempre considerato la "prova del 9" il dopo-elezioni.
Fatte tutte le considerazioni del caso, ora si tratta di rimboccarsi le maniche e trasformare "decidiamo insieme" in una forza politica e civile permanente, radicandosi con maggiore forza nei territori e facendo uno sforzo nella direzione della costruzione di un'identità comune.
Non ci disperdiamo

PaoloPantani ha detto...

non deve finire ma deve ricalibrarsi cambiando qualcosa,altrimenti tutto sfuma. finanziamo una sede stabile, federiamoci al partito radicale e confluiamo nella rosa nel pugno.
e'l'unico modo di conservare coerentemente i consiglieri eletti e cominciamo per primi la battaglia referendaria in difesa della costituzione.
siamo consapevoli che andava fatta questa battaglia. vedete nella vita come in politica esistono dei momenti che delle cose vanno fatte indipendentemente dalle convenienze, se marco avesse ceduto alle lusinghe di bassolino ma chi di noi lo avrebbe votato? avrebbe ottenuto un posto di prestigio sicuramente, portato giustamente appresso gli amici, sarebbe stato utilissimmo alla città per una consigliatura, come appunto, un compagno di strada, ma prigioniero dell'apparato.
Ma secondo voi, con la crisi idrica, quella dei rifiuti, quella della sicurezza, quella economica fare la fine di un cofferati,di un ex leader dei disoccupati, di un ex prete,di un cottolico del dissenso ma a chi poteve piacere? Ma manco a lui si sarebbe annoiato!
Andiamo avanti , facciamo questa assemblea

Anonimo ha detto...

adesso siamo delusi ma, a mente fredda, ci accorgeremo che passare in pochi mesi da zero al tre per cento è una piccola impresa. certo, ci sono stati gli errori eccetera eccetera, ma intanto c'è un soggetto politico che prima in città mancava. peccato però per le regole elettorali, che ci tengono fuori dal consiglio comunale mentre daranno consiglieri a partiti dello zero-virgola

Anonimo ha detto...

grazie marco, abbiamo vissuto una bella stagione di speranza grazie al tuo coraggio.
salvatore pirozzi

PaoloPantani ha detto...

Sono stato ieri sera, (dopo il cinema), a trovare Zanotelli, adesso si ricomincia a combattere sui rifiuti... forza e coraggio decidiamoinsiemisti, abbiamo una associazione politica, abbiamo gli iscritti,abbiamo arricchito il bagaglio di conoscenze,troviamoci una sede stabile e andiamo avanti, si ricomincia dal 3%, ma è solo nostro.

daniele coppin ha detto...

Noto che alcuni commenti presenti fino alle 2 di stanotte non sono più presenti. Non è che sul blog (e, quindi, in "Decidiamo insieme") si sia affermato il principio di eliminare i dissensi, secondo la logica tanto vituperata di alcuni partiti tradizionali? Mi sa che il nervosismo e la delusione stiano facendo affiorare segni di stalinismo strisciante: complimenti! I sospetti su come funzionassero le cose nell'associazione sono provati dai fatti.

daniele coppin ha detto...

Caro Pantani, il tuo appello è condivisibile ma mi permetto di suggerirti di rivolgerti a tutti coloro che leggono questi commenti (compresi coloro che scrivono contro MRD), visto che i decidiamoinsiemisti siano tali solo se avallano il pensiero del capo e dei suoi satrapi.

pasquale coppetiello ha detto...

son trascorse le elezioni, ergo per cui lo si può serenamente affermare: daniele coppin ci ha azzelliato la guallera, indiposcia ci ha pure rotto il cazzo con la sua aria da saputello di questo di cui sopra...

daniele coppin ha detto...

Pasquale Coppetilello, sono le tue parole a qualificarti visto che per te chi pensa con la propria testa ed esprime le proprie idee è un saputello.
Se fossi stato tale avrei evidenziato tutte le inesattezze (ne ho trovate almeno 11, ma esperti dei singoli argomenti forse ne individuerebbero di più) dell'instant book preparato dai fedelissimi di MRD. Me ne sono guardato bene. Mi dispiace solo di essermela presa, qualche mese fa, con Daniele Sepe che definiva l'associazione un gruppo di borghesi con la puzza sotto il naso: aveva ragione lui! D'altronde, l'essere borghesi non significa essere assiomaticamente persone "per bene" nel senso autentico del termine: c'è differenza tra i "signori" nell'animo ed i "signori" con il conto in banca e la casa di proprietà nel centro storico.
Questi modi da Berlusconiani di sinistra, che non sanno accettare le sconfitte e con tecniche staliniste attaccano chi non è allineato con loro, non porteranno lontano.

PaoloPantani ha detto...

ma quali satrapi, daniele,non vedi che li abbiamo stutati e non parlano più, chissà adesso quanti appiccichi..
non pensare ai satrapi, devono ancora trovare una sede della satrapia, ma figuriamoci, pensa a decine di migliaia di persone che ci hanno votato liberamente e responsabilmente,pensa a questa testimonianza collettiva da salvaguardare.
è gente che non si aspetta nulla dalla politica, dagli incarichi, dalle commissioni e mica sono tutti opulenti..
Poi dimmi una cosa, malgrado alcuni stili stucchevoli nostri,
ma onestamente, ma come si faceva a votare jervolino? avete visto come si è sbattuta, essa, a figlia, o 'proiettile e tiene pure la camorra in casa....
ma io posseggo una collezione di proiettili di minaccia, come tutti i politici napoletani , solo che io non ho nemmeno la scorta..
a proposito, non ho visto de mita, che strano, dopo questo successo così eclatante....

francesco de goyzueta ha detto...

Sono molto amareggiato e penso che lo siano molti.
Penso che nessuno poteva immaginare una tale deriva di voti alla Iervolino nel timore che la città fosse stata consegnata a Berlusconi.Ma moltissimi nostri simpatizzanti hanno fatto lo stesso ragionamento e alla fine si sono fatti irretire:a questo punto intravedo una ingenuità e immaturità politica del movimento che avrebbe dovuto rassicurare l'elettore sulla vicinanza della nostra area a quella del centrosinistra e non irrigidirsi a dire no a qualsiasi offerta di partnership che veniva proposta.In politica vedo che gli scontri frontali, e che non mirano a risultati concreti e visibili da parte degli elettori, non sono paganti perchè la gente ricerca tranquillità e sicurezze e non
gli scontri e le battaglie solo sul piano dei principi.
Nessuno riuscirà ora a fare capire alla Iervolino che la sua vittoria non è merito della sua buona amministrazione ma di una situazione molto complessa nella quale ha giocato un forte ruolo Bassolino, che era raggiante,lo scontro interno a Forza Italia e i molti voti che saranno confluiti sulla Iervolino.
Altrimenti non si spiegano questi miracoli.
Spero comunque che si aprà una stagione più fortunata anche per Napoli.

PaoloPantani ha detto...

Nessuna amarezza, caro Francesco de Goyzueta, questa è la forza nostra e questa la nostra storia.
Si è perso troppo tempo a trattare con loro,sfiacchendoci, soprattutto dopo la famosa frase: ci movimenteremo anche noi..
Io avrei rotto il tavolo e piuttosto avrei lanciato la lista rosa nel pugno, cercando noi le firme e candidati e portando anche noi qualche ministro nostro a Napoli, l'han fatto tutti,così uscivamo dal localismo sterile e rassicuravamo i pavidi....

Anonimo ha detto...

Anche una icona, un burattino, un uomo o una donna qualsiasi purchè supportati dal blocco PDS possono arrivare a Palazzo S. Giacomo, fare (e non fare) e avere il plauso degli ambienti che contano. Non ho visto mai Napoli abbandonata a se stessa così, così poco reattiva, con così poco senso critico e della realtà. Atteniamoci alla realtà: Viene da pensare che questo ci meritiamo.

Anonimo ha detto...

Non credo che aver esplicitato maggiormente l'appartenenza al centro-sinistra avrebbe cambiato le cose. E non ha creato danni eccessivi neanche l'aver presentato comunque le liste alle municipalità, cosa che con il passar del tempo mi sono convinto sia stato il vero segnale di un certo massimalismo che si poteva evitare.
Nelle ultime settimane il centro-sinistra ha scatenato una forza notevole e a posteriori non poteva non finire così, visto anche il poco tempo a disposizione. E la paura di ritrovarsi con Malvano ha reso difficile mantenere la lucidità in molti, me compreso, che pur avendo votato MRD stamattina mi sono svegliato risollevato all'idea che le elezioni fossero concluse.
L'esperimento MRD sarà giudicato soprattutto per quanto riuscirà a fare in futuro, specie considerando che alcuni punti del programma, penso per es. a camorra e rifiuti, restano comunque meglio espressi che nel programma della coalizione di governo e che ci sarà da dare battaglia (penso all'inceneritore, per es.). Ma resterà anche il fatto, per me fondamentale, che non è più tabu criticare il centro-sinistra senza sentirsi berlusconiani.
Intanto una notizia interessante è che a caserta il candidato uscito dalle primarie ha scalzato il candidato imposto dai partiti.
Daniele

PaoloPantani ha detto...

non solo, adesso non hanno scuse:sangennaro, quirinale, governocentrale, regione, provincia, comune, qualche "pecca di camorra" e, dulcis in fundo, tranne la mia municipalità, è tutto loro: auguri, noi vi controlleremo dall'esterno con estrema attenzione e vi incalzeremo su tutte le questioni purulente che sono in sospeso e non saremo fuoco amico, visto che non vi abbiamo votato.Il gioco comincia adesso, voglio proprio vedere a chi nominate all'ato2 dopo cher avete ammesso di aver sbagliato,provate a mettere quelli di prima se avete coraggio.

viaverginilibera ha detto...

Stamattina (30/05/2006) il giornale dava MRD al 3.4%.
Forza! Grazie a tutti voi e noi votanti. Ora è il momento di agire con calma, diffondere, tessere, lavorare... 200 mila voti circa sono una bella vittoria per il movimento. Andiamo avanti per le prossime.

Anonimo ha detto...

200 mila voti? quanto avevi in matematica?

se 200.000 fosse il 3% i napoletani sarebbero circa 15 milioni.

Anonimo ha detto...

58%!
Il buongoverno è stato premiato!!
Forza Napoli!!!

Anonimo ha detto...

Quando Marco Rossi-Doria decise di scendere in campo nelle elezioni comunali, rimasi perplesso: mi pareva una mano tesa verso destra. fino a domenica sera, ero convinto che questa scelta politica potesse portare la jervolino al ballottaggio con malvano, poi la sorpresa. i cittadini napoletani hanno scelto il loro sindaco, quasi centomila voti in più rispetto allo sfidante e rossi-doria che non ha fatto ne caldo e ne freddo al centro sinistra. in poche parole c'è una sola vincitrice, la jervolino e tre grandi sconfitti, malvano rossi-doria e berlusconi. la vitoria è inequivocabile, come la sconfitta.

Anna Antonella Minadeo ha detto...

sono sicura che le azioni sono di chi le fà, come i pensieri sono di chi li pensa, se coppin vede del marcio è solo perchè ce l'ha lui nella testa.
mi chiedo come mai un geologo che ha proposte risolutive per il dissesto idrogeologico in campania non costruisca un suo sito, un suo blog, un associazione di geologi per informare e divulgare le soluzioni e le risposte che non è riuscito a dare in decidiamo insieme, invece di invadere questo blog, perchè non ne fa uno suo?
la risposta è semplice, lei ci sta invadendo di critiche solo per farsi sporca pubblicità in suo favore, che bella visibilità,sono sicura che la avremo come consulente della prossima giunta.) ed allora perchè invece di perdere tempo con noi non si va a preparare il suo lavoro?
è stato accontentato, la città ha il sindaco che si merita, insieme alla munezza,ai rifiuti tossici, agli inceneritori,al dissesto idrogeologico, alla corruzione e alla camorra.
Anna Antonella M.
altra nota: i post possono essere cancellati da chi li ha scritti.

Nunzio Rovito ha detto...

Grazie a tutti i nostri rappresentanti di lista che hanno fatto l'alba per attendere lo spoglio delle comunali e delle municipali.

paola ha detto...

penso che la sconfitta maggiore sia stata per quelli che hanno avallato l'operato della precedente amministrazione; 18460 voti probabilmente sono meno di quanto ci aspettavamo ma il dato allarmante non è questo! il 58% ha votato la Iervolino nonostante a Napoli si viva malissimo, nonostante a Napoli la qualità di vita sia bassissima, nonostante diversi problemi non siano stati mai risolti. Noi ci siamo impegnati per provare a cambiare questa situazione e personalmente ho lavorato nell'ottica del dopo. Ora è importante quindi continuare a lavorare e soprattutto capire come continuare e crescere.
paola marotta

daniele coppin ha detto...

Per informazione di Anna Antonella Minadeo non ho bisogno di farmi pubblicità dal momento che, contrariamente a qualche giovane collega che ha appoggiato Marco Rossi-Doria, gli incarichi professionali non mi mancano, al punto da essere costretto a passarne una parte a colleghi più giovani. Inoltre, incarichi dall'amministrazione uscente, come ho già avuto modo di scrivere in passato, ne ho già avuti. Ma nonostante questo credevo in questa avventura prima di scontrarmi con un certo ostracismo verso ciò che qualcuno ha definito, con disprezzo, "tecnicismo".

Nonostante non provenga da una famiglia benestante, al contrario di molti altri "borghesi" che hanno aderito a decidiamo insieme, mi sono sempre sudato ciò che ho ottenuto, senza dovermi piegare ai diktat o alle "chiese" di qualcuno.
Non si può dire lo stesso di chi, esperto (anzi docente) di Valutazione d'Impatto Ambientale ha proposto nel programma l'obbligatorietà della VIA per tutti i progetti della Pubblica Amministrazione, dimenticando l'inutilità di una simile scelta dal momento che l'Ufficio VIA della Regione, a cui compete la procedura, non ci penserebbe due volte ad archiviare la pratica per progetti che non ricadano tra quelli per i quali la normativa vigente prescrive la VIA. Per cui delle due l'una: o chi ha fatto questa proposta non è poi così esperto di VIA; oppure ha pensato di poter ottenere lui qualche incarico nel caso in cui le elezioni fossero andate a buon fine per MRD. Ed ho citato solo una delle tante inesattezze.

Per quanto concerne il blog se non gradite i troppi interventi di critica chiudete il blog.
Purtroppo mi rendo sempre più conto che alcuni sostenitori, spero giovani, dell'associazione sono la dimostrazione che la democrazia e la libertà di pensiero sono cosa ben diversa dal decidere insieme. A proposito ma per voi decidere insieme significa discutere su tutte le proposte e poi votarle oppure cercare il consenso plebiscitario solo per ratificare l'idea (pardon, il verbo) di qualcuno?

nazarin ha detto...

Per Paolopantani: Ho letto di corsa e forse ho frainteso. Almeno spero di aver frainteso, quando ha parlato di confluire nella rosa nel pugno; doveva trattarsi senz'altro di una provocazione, perchè non se ne parla neppure, e non credo di essere l'unico a pensarla così.
Per Daniele Coppin: scusami, ti ho sempre difeso nei primi interventi, in cui hai manifestato l'intenzione di lasciare. Ora però penso anch'io che tu stia esagerando; da fervente sostenitore (ricordo i tuoi interventi e la tua partecipazione) sei diventato uno dei più accaniti detrattori. Avrai le tue buone ragioni, ma a me sembra che il tuo dente avvelenato stia andando in cancrena.
Per tutti: le elezioni sono andate male. Non fasciamoci la testa (anche se siamo già caduti) ma neanche neghiamo l'evidenza. Sono andate male e dobbiamo trarre frutto da questa esperienza per lavorare meglio in avvenire.

viaverginilibera ha detto...

Eh che ***** non sbagliate mai a digitare? Avevo letto circa 20 mila voti!!! Penso che ci dovremmo essere no con le equazioni???

giovanna grimaldi ha detto...

Primo commento:

La vittoria al 57% del Sindaco e del csx.

Molto bravi a evitare qualunque confronto. Bassolino ieri sera dichiarava che è stata una bellissima campagna elettorale. Contento lui e l'establishment che esulta, va bene così - se conta solo vincere a tutti i costi bene così.
La campagna elettorale è stata tautologica.
Una volta individuato come terreno di scontro favorevole la delinquenza nelle liste, voilà il gioco è fatto.
Resta il fatto che ieri - mentre si celebrava la vittoria - il partito stesso del sindaco doveva espellere due candidati per quanto ella stessa aveva "per prima" denunciato in procura (ricordate gli sberleffi dopo le politiche del 10/04, a MRD che aveva osato denunciare - lì sì per primo - i telefonini nei seggi già vietati da oltre tre anni , con tanto di circolari del ministero dell'interno datate di anni ?).
Come a dire che i denari dei contribuenti è meglio spenderli così. Uno - si candida chiunque, perchè si sà uno screening è troppo faticoso e forse poco produttivo, non si sa mai;
gli si danno i soldi per la campagna elettorale (soldi dei contribuenti);
si va in procura e si sobbarcano i magistrati e le forze dell'ordine con questo extra-lavoro ed extra-costo (soldi dei contribuenti);
si parla per un mese del problema e solo di questo (sui giornali in tv- sempre soldi dei contribuenti coi contributi editoria);
ci si rifiuta come hanno fatto tutti i partiti, in larga parte anche di csx, di fare quanto meno i nomi degli ineleggibili su richiesta del prefetto (che ha lavorato con mezzi pagati con i soldi dei contribuenti);
si ottiene un quasi-plebiscito;
poi tutti contenti.
E ci credo, hanno pagato i soliti fessi !

Poi il disastro del cdx che, data la propria connotazione - ancora più becera e vogliosa di riscatto - ha permesso proprio per questo che tale impostazione fosse vincente. Berlusconi in pista, poi, ha fatto bingo !

A tuttoggi vorrei sapere almeno chi di quelli che leggono questo blog sà quale sia il programma, non dico tecnico, ma politico, di questa amministrazione "plebiscitaria" su tre punti:

i) sicurezza dei cittadini;
sembrerebbe nessuno perchè le uniche parole sono state: è responsabilità dello Stato, come se le città e i cittadini delle stesse fossero cosa altra.
La crociata anti-delinquenza nelle liste (dopo averceli messi), che ha fruttato un bel pacco di voti, come si tradurrà in termini di vita per i cittadini, dicendo ad Amato (governo amico) pensaci tu ?

ii) rifiuti;
Continueremo a mandarli in germania- almeno a chiacchiere dato il numero di discariche abusive sul territorio regionale e gli scandali giornalieri a riguardo ?
Le tasse continueremo a pagarle in maniera totalmente iniqua (un esercizio commerciale che produce, diciamo trenta chili al giorno, e in genere li dissemina malamente dappertutto, paga sulla base dei venti metri quadri che occupa) ?

iii) traffico ed autovetture circolanti ed in sosta.
Continueremo ad avere l'unica grande metropoli d'italia con macchine che entrano gratis, circolano a piacimento, inquinano, e per quali necessità ? o anche solo per sub-cultura e mancanza di alternative valide per la mobilità almeno da circondario provinciale a metropoli ?
Continueremo ad avere le strisce blu più care d'italia, con la corte dei conti che cita la(e) società per danno perchè non versa quanto dovuto ?

iv) amministrazione comunale: lavoro ordinario e debito.

Cosa succederà ?
Come si risponde sempre alla Corte dei Conti, che nella Relazione-Procura Campania- 11/02/2006
cita testualmente:
"atteso che la spesa per incarichi esterni sostenuta da regioni ed enti locali rappresenta da sola, secondo studi recenti, più della complessiva spesa per tutto l’intero comparto della Pubblica Amministrazione."

Ed i debiti fuori bilancio ?:

" Si tratta di una massa imponente di debiti, in continua tendenziale crescita e presumibilmente rilevata solo per difetto: prova ne è la circostanza, ad esempio, che i debiti fuori bilancio rendicontati dal Comune di Napoli nei bilanci consuntivi del 1999, 2000 e 2001 espongono importi, rispettivamente, di circa £. 4.400.000.000, £. 17.000.000.000 e £. 16.200.000.000 che fanno presumere, salva diversa evidenza e allo stato degli atti, importi per il 2005 superiori ai circa 10.000.000,00 euro comunicati fino ad ora, anche in ragione della sopravvenuta nuova moneta
unica europea.
I debiti fuori bilancio, come si è anticipato, sono sì riconoscibili per legge, ma mostrano come all’assunzione dei debiti stessi si sia pervenuti, nel migliore dei casi, al di fuori delle regole che disciplinano i procedimenti di spesa e con effetti distorsivi sulle finalità programmatiche che sono proprie dello strumento contabile del bilancio di previsione: a maggior ragione, dovrà essere posta particolare attenzione alla verifica di quella “utilitas” che giustifica la riconoscibilità postuma dei debiti fuori bilancio.
Le fattispecie di danno alle finanze degli enti locali toccano prevalentemente la gestione del patrimonio e quella del personale."

E gli scandali "amministrrazione fai da te" esemplificati da "stipendi d'oro" ?

"Questa Procura ha azionato, per ora, in relazione ad evidenze già chiaramente emerse, una prima partita di danno per oltre 1.200.000,00 euro, riguardante dirigenti e funzionari del Comune di Napoli, avente ad oggetto l’indebita elargizione di indennità di produttività e di trattamenti retributivi non dovuti; la citazione è stata preceduta da sequestro conservativo di beni mobili e immobili, peraltro autorizzato e confermato, ma l’istruttoria prosegue per gli altri profili di danno."

E le strisce blu e i canoni ?

"E’ stato altresì azionato un danno per le finanze della società partecipata del Comune di Napoli costituita per la gestione delle zone adibite a parcheggi, per mancata esazione dei proventi derivanti dalla sosta di auto sulle cosiddette “strisce blu”: il relativo giudizio è stato discusso sul finire dello scorso anno e si è in attesa della sentenza, soprattutto per quel che riguarda la sussistenza della giurisdizione contabile.
E’, poi, in corso di avanzata definizione un’istruttoria (ma, vi sono altre vertenze in esame) sui contenziosi e le transazioni tra varie Amministrazioni comunali e la società Eniacqua che hanno evidenziato, tra l’altro, la mancata riscossione dei canoni per la fornitura di acqua potabile e per la depurazione, da parte dei privati, relativamente agli ultimi anni ’90, fino al 2002.
Si stima, in via prudenziale, che i danni ammontino a varie decine di milioni di euro."

E i rifiuti ?

troppo lungo il romanzo che scrive sempre la procura della Corte dei Conti.

Altre questioni riguardanti il disatro del consesso sociale che abita questa cittàe dell'ambiente cui è costretto a vivere, non vale neanche la pena nominarli.

Buon lavoro al nuovo Sindaco e alla sua amministrazione !

Il 21 giugno andremo al mare, perchè si sa siamo fuori dall'Unione.

(ricordate l'UPIM ?)

un dipendente del Comune ha detto...

Forse soltanto le primarie, magari delle vere primarie, ci avrebbero salvato. Incredibile il consenso ottenuto dal Sindaco uscente dopo tanta malamministrazione. Eppure tutto l'estabilishment ha fatto quadrato in difesa della Iervolino, e lo stesso a quanto pare hanno fatto i cittadini. Ma quanti hanno votato turandosi il naso? Quanti non hanno avuto il coraggio di cambiare, nemmeno con un candidato come Rossi-Doria? Io credo che soltanto uno schiaffo pesante potrebbe far rinascere e rifondare un centrosinistra serio a Napoli e in Campania. Purtroppo questo non è accaduto e chi ha ottenuto una riconferma così netta si sentirà con buona ragione autorizzato a continuare a governare nel clientelismo e nell'inefficienza.

Anonimo ha detto...

daniele coppin basta! ma perchè critichi le persone che hanno aderito all'associazione? ma perchè non sei venuto a lavorare, ad ascoltare, a capire, a conoscere? dove eri quando noi ci siamo riuniti? dall'alto del tuo sapere di tecnico professionista hai solo criticato senza apportare un contributo, senza fare un ragionamento! Il blog è un luogo libero dove ognuno può scrivere quello che vuole ma tu hai stancato! Ti sei offeso perchè le cose che hai detto non sono state prese in considerazione? E ma che dobbiamo fare? prostrarci tutti al tuo sapere? sei molto più saccente tu di tanti altri che hanno speso il loro tempo a provare a cambiare la triste realtà di Napoli!

Giuseppe Balsamo ha detto...

Il mio contributo alla discussione è qui:

http://www.decidiamoinsieme.it/forum/viewtopic.php?p=372#372

Non dobbiamo disperdere il patrimonio straordinario di esperienze che derivano da quanto abbiamo intrapreso.

Decidiamo Insieme è una realtà attiva e libera che ha saputo costruire in tre mesi una concreta proposta di cambiamento per la città..

Questo risultato deve solo aiutarci a riflettere ed a lavorare per costruire nei prossimi cinque anni un'effettiva e credibile alternativa..

La nostra proposta già lo era...ma per renderla effettiva, dobbiamo essere in grado molto di parlare alle masse e, forse questo è quello che più di tutto ci è mancato...

Il nostro programma esiste e va portato comunque avanti anche se da cittadini che sono al di fuori del palazzo.

Dobbiamo portare avanti, come libera associazione, progetti concreti, visibili e tangibili che il cittadino dovrà vedere e toccare nei prossimi 5 anni...

Decidiamo Insieme può e deve fare anche questo con l'impegno e la passione di tutti noi.

Se abbiamo fatto questo in tre mesi, in cinque anni potremo creare un vero modello vincente e di amplissimo respiro...

Dobbiamo andare avanti, parlare agli altri, proporre ed includere...

La parte più bella della nostra storia di impegno civile, comincia adesso...

Un caro saluto a tutti,

Giuseppe Balsamo

PaoloPantani ha detto...

ragiono ad alta voce, per farmi capire.
per fare un gruppo misto di minoranza, occorrono almeno due consiglieri comunali, i valori di uso sono le sedi(separate),le sale riunioni, la presidenza del gruppo misto, i telefoni, i computers le risorse umane, bisognerà vedere "noi per malvano" se accetta.
essere unico mattattore libero sala consiglio è esaltante per il ruolo autonomo e offre grande visibilità alla protesta, ma poi bisogna costruire ipotesi di continuità e di sopravvivenza esperienzale.occorre collegamento nazionale, copertura politica, orizzonte di senso e soprattutto se abbiamo qualche superstite consigliere a qualche municipalità, ricompattarsi subito e fare fronte comune.
conoscete qualcuno di altro che ci offre una sponda e uno sbocco tranne la rosa nel pugno? Leggetevi gino de giovanni sul corriere del mezzogiorno, anche lui parla di situazione a limite di un regime.dopo l'assemblea telefoniamo a pannella subito, se lo facciamo alla fine della consiliatura faremo la fine antonio d'acunto,alternativa napoli, l'avv. crocietta, mario esposito.

Anonimo ha detto...

Paolopantani, ma quando finisce la tua aspettativa?
Hai bisogno di aiuto?
Non stai bene?

Anonimo ha detto...

Comunque il 3% è qualcosa (anche Troisi cominciò da TRE) se è vero che siete a sinistra...ma le critiche, la rabbia ed altro... sembrano più da CdL, preparatevi per il 2011.

Buon lavoro

ex silente ancora dissidente ha detto...

vorrei cercare di attenermi ai fatti:
1)l'amministrazione jervolino era vissuta come "non brillante" dalla maggioranza degli addeto alla politica ed anche della popolazione
2) il programma di mrd riconosciuto come degno di stima da molteplici siggetti(sindacati,associazionismo,mondo del lavoro,mondo accademico,ect. ect.)
3)la stampa locale ci ha largamente(forse troppo) sostenuto più o meno esplicitamente
4)marco è un'ottima persona ed ha un grande carisma personale
5)il candidato del centro destra era impresentabile
6,7,8,.... ve li risparmio
perchè solo diecimila cittadini napoletani hanno votato la lista???? e solo diciottomila mrd?????
COME E' STATO POSSIBILE L'ACCADERE DI QUESTA CATASTROFE???????
iniziamo a discutere di questo,prima di lanciarci in critiche dilanianti .
ci sono degli errori fatti e ci sono responsabili di questi errori.
diamo voce al dissenso, troviamo le forme di partecipazione adatte e cerchiamo di riconoscerci un percorso comune.
n.b. questo blog è un'ottimo strumento di comunicazione ,ma temo che per i tempi futuri non possa bastare a contenere un dibattito che se non emerge in tutta la sua interezza farà implodere l'associazione

daniele coppin ha detto...

Mi ero ripromesso di non intervenire più sul blog, ma l'anonimo delle 14.57 "merita" una risposta: ho partecipato a più di una riunione, ho dedicato tempo a scrivere documenti, idee e proposte presentati nelle sedi opportune per tentare di cambiare la triste realtà di Napoli. Solo quando mi sono reso conto che le logiche erano quelle dei "soliti gruppi" non ho più partecipato. Io però posso dire che ho partecipato, tu, dal momento che non ti firmi no. Ma forse perché, a differenza di me, non ha firmato l'appello per MRD fin da Gennaio e non ha aderito fin dall'inizio a "Decidiamo insieme".
Per nazarin.
Apprezzo la serenità e l'onestà intellettuale dei tuoi interventi, ma ti assicuro che il dente avvelenato non ce l'ho più da molto tempo. Mi premeva solo sottolineare certe aspetti. Ma se anche tu non credi nella necessità di una riflessione per cercare di comprendere i tanti errori che sono stati commessi mi dispiace, anche se la stima resta immutata.
Comunque questo è il mio ultimo intervento su questo blog, per il piacere di molti che non hanno ancora imparato cosa significa democrazia.

Anonimo ha detto...

Meglio soli che male accompagnati... meglio la morte che pannella

PaoloPantani ha detto...

Ma come non sapete che un vecchio partito storico come quello radicale ci ha appoggiato?Attenzione, loro a noi, nati tre mesi fa, se non ne capite la portata del caso siete veramente soggetti da studio umano non politico.
ma come si fa con un sistema di potere così forte a non cercare alleati disponibili, ministri laici, opportunità di sbocco.
non solo, essi per appoggiarci hanno pagato pure una lacerazione, i socialisti hanno fatto la rosetta nel pugno...
riflettete è velletario, un consigliere solo in consiglio è un bello spettacolo, fuochi di artificio dialettici e poi basta, nessuna agibilità politica.le nostre 18 mila persone meritano di più che veder perdere tempo, dopo esssersi esposti a rappresaglie di carriera e possibili mobbing.

PaoloPantani ha detto...

PS
non so se è chiaro,avete capito o no che questi usano pure la camorra e fanno pure le vittime invece di chiedere scusa?Avete capito che minacciano di morte, sequestrano persone, intimidiscono, minacciano e aggrediscono durante e dopo la campagna elettorale? E noaltri stamo a guarda' er capello? Ma come pannella no? non ci ha nemmeno chiesto niente, condizionato, è proprio vero non si fanno favori non richiesti.

mario mastrocecco ha detto...

grazie nunzio per i esserti ricrodati dei rappresentanti di lista che eroicamente hanno fantto l'alba per difendere quei 4-voti che abbiamo preso nei seggi più "temibili"... come giapponesi siamo rimasti in trincea fino alla fine e nessuno che ci avvertiva che la guerra era finita (e persa).
ma, come diceva un rivoluzionario, le battaglie non si perdono mai, si vincono sempre.

ps. qualcuno ha scritto che il buon governo è stato premiato e ha citato il 56%, non ho capito se si riferiva a cuffaro, a de luca o alla jervolino.

Anonimo ha detto...

Caro Mastrocecco
credo che l'anonimo che parlava di buongoverno e di 58% era un pò ironico e sbeffeggiante.
Comunque il parallelo tra il 58% di Cuffaro e il 58% della nostra simpatica sindaca è cattivello ma pensandoci bene anche intrigante...

Anonimo ha detto...

Tante storie e poi Chiaia è andata a destra... La Iervolino mi è un pò più simpatica ora.
Sarà interessante vedere cosa saprà fare una municipalità di destra all'opera.

Anonimo ha detto...

Senti senti,
adesso volete entrare nella RnP ?
E quando Rifondazione vi ha proposto di entrare con metà lista e con il vostro simbolo con il loro simbolo, vi siete schifati ?
Spiegatelo all' associazione, spiegatelo a chi vi a votato!!!

Anonimo ha detto...

a quando un'assemblea degli iscritti???????
un comitato d'indirizzo allargato???????
e le dimissioni del comitato d'indirizzo??????????
è troppo pretendere una discussione?????????
cosa dicono gli esperti???????
parlate,comunicate le vostre brillanti analisi
ILLUMINATECI

Anonimo ha detto...

il comitato d'indirizzo ha sbagliato ad indirizzarci,forse dovremmo trovare il modo di indirizzarlo noi.......
come farlo è un mistero ,anzi è il mistero dell'associazione

stefano consiglio ha detto...

Carissimi
dopo 5 anni di (cattiva) amministrazione la giunta uscente è premiata dalla maggioranza dei cittadini di Napoli!
La mia anima entusiasta ha preso una bella botta, mi aspettavo di più per la lista e per Marco.
La mia anima razionale in fondo in fondo ha sempre temuto quest'esito. Le tante persone con cui ho parlato in questi mesi e che si sono sempre lamentate dello stato penoso della città mi dicevano che avrebbero in ogni caso votato per lei e per i partiti che con lei hanno amministrato (battendo tutti i record di assenteismo in consiglio comunale).
Molti di questi con il ditino alzato hanno detto che Rossi Doria ha compiuto questo e quell'errore, che noi di Decidiamo Insieme non abbiamo saputo fare questo e fare quello ..... Analoga severità di giudizio non la hanno manifestata nei confronti di chi ha malgovernato questa città.
Di fronte ad un successo di questa portata non potranno che continuare a governare come hanno fatto fino ad ieri: facendo prevalere l'interesse particolare piuttosto che quello collettivo; non avranno alcun motivo per rompere gli equilibri ed i blocchi che impediscono il cambiamento(macchina comunale e vigili urbani in primis), continueranno a non vedere il potere camorristico che controlla pezzi di città e di economia cittadina.
Sul fronte della destra il solito immenso squallore! Assoluta incapacità di proporre alternative credibili ed ora un altro candidato sindaco in partenza per Roma.
La mia anima entusiasta però non si vuole arrendere ed intende andare avanti. Nel corso di questi mesi ho incontrato e conosciuto tantissime persone simpatiche e di qualità .... spero che riusciremo con più tempo e senza lo stress elettorale a costruire qualcosa di bello insieme.
Un abbraccio a tutti
Stefano Consiglio

Anonimo ha detto...

è pur vero che berlusconi ha impiegato due settimane per fare una telefonata,ma perfavore marco dì qualcosa,non qualcosa di sinistra,ma qualsiasi cosa.
parla,indici una conferenza stampa,fatti intervistare da una tv privata o pubblica,convocaci a casa tua o anche al bar all'angolo,insomma fatti vivo

ex silente ma ancora dissidente ha detto...

per stefano consiglio:
purtroppo temo anch'io che la futura amministrazione si comporterà malissimo.
volevamo mettere spalle al muro i partiti tradizionali,ci siamo messi spalle al muro da soli,senza alleati,senza prospettive se non quella dello "splendido isolamento" e percepiti come autoesclusi come astutamente ha fatto notare "o bass"

Anonimo ha detto...

Marco prenditi del tempo e riposati.
cordialmente

Anonimo ha detto...

si ,molto tempo,tempo indeterminato,riposo,riposo assoluto,meglio evitare altri stress

Anonimo ha detto...

noto che da oltre due ore paolo non comunica ,la cosa è preoccupante

PaoloPantani ha detto...

allora visto che stiamo riflettendo, guardiamo ai fatti:
siamo al 3,5% quasi ventimila persone in una città simbolo, con poco peso geo-politico e travagliata socio-economicamente, con camorra e violenza urbana diffusa.
le esperienze locali partono per autodifesa e per protesta,dopo maturano e si danno veste nazionale o muoiono (vedi la rete),confluiscono o si disperdono.qui è in gioco il nuovo partito democratico, ricordate quanta attenzione abbiamo avuto, quante proposte di apparentamenti, quante offerte di assessorati, addirittura il vice del sindaco (se è vero).
abbiamo deciso insieme,credo,di andare avanti da soli, questo è il punto e di misurarci,subendo attacchi,rappresaglie e gravi perdite, mi riferisco alla lista di chiaia, vera cartina al tornasole dell'ostatività della P.A.Sappiamo che il gioco è stato molto sporco: liste ricusate e recuperate e poi autoescluse, voti comprati, violenze, minacce, sequestri di persona, camorra, è mancato solo il conflitto a fuoco e, se c'è stato, non lo sapremo mai.
questo tre e mezzo del corpo votante è tanto in tre mesi di vita è un orgoglio e un vanto che ci compete e ci spetta, se ci sono avanzati soldi mettiamoci le magliette con simbolo + e la percentuale,visto che si partiva da zero, e sosteniamo che vale di più del loro 58% o 38% impupazzato, estorto e comprato.
adesso occorre il vero esame se ci sopportiamo con le nostre anime, con tutte le nostre doppie tessere, ci leniamo le ferite che ancora bruciano, avremo altri cimenti e sicuramente saremo premiati.non esiste in nessun luogo del mondo un sistema che non si possa cambiare, esisterà pure un metodo,volete vedere che sulla costituzione abbiamo più spazio noi che siamo movimento di opinione che loro che sono mossi solo da clientele e paure? io dico di continuare e sono a disposizione del nostro rappresentante eletto, alla assemblea ci sarò fino alle ore 16,00, dopo dobbiamo costituire una associazione di proposta che influenzerà anche grazie a noi,tutto il dibattito cittadino e non avete idea che cosa gli stiamo preparando a lorsignori, voglio proprio vedere quale scusismo si inventeranno.
coraggio la situazione è ancora fluida, è tutto in movimento,sicuramente non faremo carriera e non ci sono incarichi, progetti e prebende per noi,negri, ma volete mettere lo sfizio della nostra bella libertà senza inchini e senza sottomissioni, e poi lo sapevamo: NIENTE PRIGIONIERI.

PaoloPantani ha detto...

immediatamente evocato, eccomi materializzato

nazarin ha detto...

Per Coppin: sono più che convinto della necessità di una riflessione seria; sono più che persuaso che si siano commessi diversi errori. Vedo però ancora dei margini ampi di partecipazione, non ho perso fiducia nelle potenzialità di questa associazione.
Per Paolopantani: io voterò contro l'eventuale ingresso nella Rosa nel Pugno, semplicemente perchè è una formazione politica in cui non mi riconosco minimamente. E sono certo di non essere l'unico. Spero che si tratti di un intervento e di un punto di vista isolato, e che l'associazione non prenda questa strada ("deriva", a mio avviso). Ci hanno spalancato le porte, e allora? Se ce le avvesse spalancate l'Udeur? Se non si entra in qualunque porta venga aperta, vorrei conoscere quali sono le ragioni in virtù delle quali sia possibile entrare nella Rosa nel Pugno. Al di là di quelle di opportunità che, seppur importanti, non possono assolutamente giustificare un'operazione così pregna di contenuti politici.

giovanna grimaldi ha detto...

Vorrei segnalare alcuni aspetti sulla conta dei voti.

Primo punto

Aventi diritto
Dai dati delle politiche 9-10/04/2006 sul sito del comune risultano 805.566 iscritti per la Camera.
Votanti : 591.835 ( 73,47%)
Voti Validi : 580.169

Dai dati delle amministrative 28-29/05/2006 sullo stesso sito risultano 828.437 iscritti.
Votanti totali: 552.916 (66,745).
Voti validi per sindaco: 534.240
Voti validi per liste:498.422

Rimane la curiosità dell'elettore di sapere se e perchè gli iscritti al comune a distanza di un mese siano variati di circa 24.0000 unità.

2° Punto
I voti totali per tutti i candidati sindaci e le liste sono stati:

VOTANTI 2006: 552.916
SINDACI VOTI TOTALI 2006: 534.240
LISTE VOTI TOTALI 2006: 498.422

VOTANTI 2001: 578.496
SINDACI VOTI TOTALI 2001: 538.364
LISTE VOTI TOTALI 2001: 472.848

Questo è un primo eccellente risultato perchè alle precedenti amministrative del 2001 i voti non validi e bianchi per il sindaco erano stati un pò meno di 40.0000.
E i voti non validi e bianchi per le liste erano stati circa 106.000.
Quindi si sono entrambi più che dimezzati dal 2001 al 2006 (da 40.000 e 106.000 del 2001 a 18.000 e 54.000 del 2006).

Ritornando al 2006 se

SINDACI TOTALI 2006: 534.240
LISTE TOTALI 2006: 498.422

SINDACI TOTALI 2001: 538.364
LISTE TOTALI 2001: 472.848

35.818 voti sono in più per i sindaci e in meno per le liste nel 2006.
mentre nel 2001 erano circa il doppio, cioè 66.000.

I partiti politici ne escono certamente rafforzati rispetto ai propri candidati sindaci ed anche il consiglio comunale è più rappresentativo di un rapporto diretto tra cittadini e consiglieri. Altro buon risultato quindi.

In particolare,

IERVOLINO 2006: 304.755
LISTE CSX 2006: 304.832

IERVOLINO 2001: 262.818
LISTE CSX 2001: 218.401

Per il sindaco vincente e le liste collegate vi è quindi perfetta corrispondenza nel 2006. Mentre nel 2001 il sindaco godeva di un 20% di consenso proprio all'interno dell'elettorato di riferimento. Da notare la crescita di circa 86.000 voti dei partiti di csx al primo turno rispetto al 2001, ovvero un buon 40% del proprio bacino. Questo spinge il sindaco di circa 42.000 voti in più sempre rispetto al 2001 ovvero del 30%. Se ne dovrebbe dedurre che forte parte dei voti non validi del 2001 e/ o l'andata alle urne di allora viziata da un forte astensionismo si sono riversati nel csx nel 2006, in aggiunta ai voti sparsi su più liste indipendenti di csx del 2001 (circa 27.000). Oppure che parte non indifferente dei voti andati al cdx ha cambiato bandiera dal 2001 al 2006.

ROSSI DORIA: 18.460
Decidiamo Insieme: 10.893

Ci sono qui invece 7.567 voti di differenza (>40 % dei voti totali per sindaco a MRD) che non sembrano essere andati ad alcuno, poichè il csx e la Iervolino corrispondono tra loro meno che per 80 voti.
Quindi. eventualmente. un voto disgiunto per Rossi Doria sindaco, sembra essere stato pressocchè perfettamente equilibrato da altrettanti voti di cittadini che hanno votato solo per la Iervolino risultando in una pressochè identica corrispondenza tra sindaco e suoi sostenitori di lista.

Il risultato di Rossi Doria (18.463 voti) e della lista Decidiamo insieme (10.893 voti) quindi si inserisce in un quadro che vede:

• dimezzamento dei voti non validi di lista e per sindaco
• la maggiore avanzata per dati omogenei di oltre il 20 % (circa 54.0000) dei propri voti di liste di csx sia indipendenti che collegate al sindaco Iervolino nel 2001 ed un guadagno netto di consenso del Sindaco di 15.000 voti, in aggiunta alla convergenza di quei voti di sindaci sparsi su candidati di csx nel 2001.

Mi confermo nell'idea del mare di qui a vari anni.

Auguri al Sindaco di un governo prospero, sereno ed ecumenico !

Anonimo ha detto...

ringrazio chi, come la grimaldi, cerca strenuamente di fornire dati di analisi. credo sia utile. come credo anche sia utile rifelttere moto in queste ore, principalmente interrogando noi stessi, chiederci cosa vogliamo. e poi parlare insieme, con calma, meditando. bisognerà prima capire. poi decidere. invito tutti a maggior serenità e a non perdere tanto tempo a invetare sul blog problemi e discussioni virtuali, quando ci sono già quelli reali tanto duri. quale rosa nel pugno? niente rose, oggi... crisantemi..
ho dormito solo dalle 7 alle 11.00 e ancora ho nella testa i numeri dei seggi. e quell'immagine vivida dei tanti voti: "lista-margherita, preferenza-montemarano, sindaco-rossidoria"... mi hanno fatto una certa impressione. ho immaginato l'elettore o l'elettrice che per un posto di lavoro all'ospedale, avuto o promesso, o solo per un favore qualunque hanno scritto "margherita, montemarano" e poi, ci hanno pensato un po' e hanno detto "no, anche jervolino no!" e ce l'hanno buttata la croce sul "rossidoria" , come si butta una monetina nella fontana di trevi..

il sud vive una delle pagine più buie della sua storia. guardate salerno, come esulta il loro satrapo! ma qui a Napoli la vittoria più bella d'Italia, ha detto il Vicerè, (per lui quello che succede qui è sempre il più bello d'italia, come la notte bianca..) eppure chi ha votato jervolino contento di farlo? pochi voti avevano la croce sul suo nome oltre che sulla lista... chi pensa che si stia bene a napoli? chi pensa che si stia meglio?
guardate la sicilia...
hanno premiato il buongoverno?
e sì.. il 58%.. la borsellino non ce l'ha fatta e rossi doria nemmeno. hanno premiato il buongoverno. a Benevento invece no, hanno premiato Mastella.
guarda, compagno Quatrano, guardate "veri comunisti", com'è bella a' città e puricinella. ci sono più democristiani al governo adesso che ai tempi di lauro. guardate e rincuoratevi, non gliel'abbiamo consegnata la città alla camorra. ce l'aveva già da prima.
guardate compagni...
dipinte in queste rive
son dell'umane genti
le magnifiche sorti e progressive!

PaoloPantani ha detto...

l'analisi della grimaldi è impegnata e giusta e poi conclude con l'opzione mare futura,io parlo di partito democratico,di orizzonti possibili,non rimanere appesi,giostrando fra di noi una specie di palio delle contrade morte, altrimenti meglio la vela, ha ragione, a giugno c'è la seconda regata insieme nel vento, ci porto a mio figlio così si svelenisce la delusione calcio.
non sono rnp, ho solo firmato un appello di de giovanni,ho visto tanti movimenti e partitini sparire, altro che deriva, quelle è più lenta.
so che pannella ha incontrato e dato l'appoggio incondizionato a mrd, pagandone un prezzo alto, assenza di lista e simbolo e i socialisti dello sdi appresso alle loro poltrone,avranno fatto una lista e presentato firme al fulmicotone, un caso di celerità unico in italia, vedete che strano paese.allora posto che si può fare anche un movimento opinionista, troviamoci una bella sede e arricchiamo in dibattito,siamo così simpatici, ce lo dicono tutti, adesso da perdenti lo siamo anche di più...
Se invece vogliamo avere un fine politico bisogna decidere dove andare, qualcuno di noi, sono certo, lo sta già pensando.per quanto mi riguarda, basta con ds, prc,dl, almeno a Napoli non mi è congeniale la vita di partito,conosco i metodi,le doppiezze,le convenienze,o si va verso il nuovo pd,trattandone i nostri valori( uno dei quali scusate è la LAICITA') oltre agli spazi,oppure meglio il volontariato sentite a me.

nazarin ha detto...

Dobbiamo decidere dove andare, è vero. Non è vero però che l'unica alternativa a confluire in un partito è diventare un movimento di "opinionisti".
Decideremo assieme, come al solito, quale direzione prendere, e sarà anche un banco di prova importante: quanto abbiamo in comune? Eravamo uniti solo nel nome di Marco Rossi Doria (sembra una citazione del Vangelo...) o è davvero possibile trovare un percorso comune? Avremo davvero molto su cui lavorare

Tonino Leone ha detto...

La cosa più bella del vostro movimento è essere al di fuori dei partiti,le opportunità per fare malapolitica ci sono state è le avete giustamente rifiutate,ed avete fatto bene.Pannella appoggia la vostra idea: allora lasciasse per la seconda volta il suo storico partito che non esiste più, e si iscrivesse alla vostra associazione

Tonino Leone ha detto...

Se poi il prezzo per contare in polica è uniformarsi al sitema dei partiti allora secondo me non ne vale la pena, di errori se ne saranno commessi sicuramente, però essere coerenti e parlare apertamente alla gente, senza promettere il posto, ma dei problemi della città, e di come risolverli,è un grande atto di coraggio,che cambia realmente il modo di far politica . A chi mi ha chesto se penso che gli elettori siano stupidi io rispondo che a Napoli,Milano, ed in Sicilia molti di loro non sono il contrario

PaoloPantani ha detto...

perciò dico, opinionisti allora no, che fare? Io non mai sono unito nel nome di nessuno ma mi interessa un progetto politico minimale, almeno avere self- rispect da mostrare ai partners ai colloqui internazionali, almeno risolviamo i rifiuti e che diamine! a parte il paesaggio che non è merito nostro, mi dispiace contraddire sua maestà , ma non vedo niente di bello a Napoli, la situazione politica è ancora più impegnativa perchè non vedo autocritiche capaci di capire la nostra patologia..

Tonino Leone ha detto...

piccola patologia del paese e di tanti altri: se sono un povero disgraziato che per mettere il piatto in tavolo mattina e sera ai mie tanti figli, e non sono capace di fare il camorrista, allora quando arriva lamicodelfigliodelfratellodellabadadantedellaziadellonorevole chiunque esso sia io lo voto

Anonimo ha detto...

IL progetto di mettere i bastoni tra le ruote di Rosetta è fallito.
Viva Rosetta, viva la Napoli democratica, la Napoli onesta, la Napoli pulita, cioè viva la maggioranza schiaccinate dei cittadini di questa città.
Rosetta si è battuta come una leonessa contro il governo Berlusconi che ha fatto la guerra a tutte le città governate dall'allora opposizione, dando a Napoli solo briciole. Nonostante questo, Rosetta ha reso
Napoli una città più giusta ed a misura d'uomo. Il 60% dei napoletani hanno premiato la sua onestà ed il suo operato. E nel 2011 spero ritorni Bassolino!

Tonino Leone ha detto...

Continua a vivere nel tuo fantastico mondo di cartone, che quando aprirai gli occhi avrai tanti motivi per piangere a meno chè tu non sia un parassita di questo sistema

PaoloPantani ha detto...

fra il serio e il faceto del post precedente alla prossima crisi di rifiuti o crisi idrica per acquedotto fatiscente, chiederò ai manifestanti a chi hanno votato e accettarne le conseguenze.
la cosa curiosa è che il sindaco stesso è ancora incredula di avere vinto,forse ha capito che stavolta al secondo mandato non potrà attaccare per difendersi,credo che a metà mandato ne vedremo delle belle.

Anonimo ha detto...

la giornata volge al termine ,ma a parte le alluvionali dichiarazioni di "paolo",qui non si vede l'ombra di una presa di posizione di qualche coordinatore.
vorrebbe per caso la presidentessa dell'associazione comunicare, o solamente accennare, il "verbo"
potrebbe qualche "esperto" di flussi elettorali dirci qualcosa
perfavore "INDIRIZZATECI"

Tonino Leone ha detto...

Paolo sei un grande e l'ho già detto, il brutto è che per avere conferme ai nostri pensieri il turzo gira,gira e finisce sempre lì, dietro tutti i napoletani, ma fa che abbiamo un 60% di gay?

luciano brancaccio ha detto...

Vorrei fare gli auguri di buon lavoro a Norberto Gallo, nostro unico rappresentante nelle istituzioni (municipalità vomero-arenella). Ripartiamo da qui.

Anonimo ha detto...

Da quando sono venuto a conoscenza di quest'associazione ho cercato di sostenerla col passaparola, diffondendo le vostre idee e le vostre proposte, riuscendo a portarvi anche qualche voto. Ora, questo fallimento, perchè di fallimento si tratta, mi ha fatto così imestialire, che se la cosa andrà avanti cercherò di impegnarmi fil più possibile per la vostra associazione e per il bene della mia città. però adesso non vorrei che dopo questo fallimento andasse tutto a puttane! non scherziamo cazzo! rossi-doria, fatti sentire e facci capire la tua associazione che intenzioni ha. vogliamo continuare o arrenderci? non facciamo scherzi. attendo novità, saluti

Giancarlo Caputi ha detto...

L'assalto a Daniele Coppin non mi e' piaciuto molto. Il nostro ambiente dovrebbe dare spazio alle voci di tutti. Solo in tal modo possiamo presentarci come una associazione democratica e aperta. "Un sindaco che ascolta..." e' stato uno dei nostri slogan, e non vedo perche' non dobbiamo ascoltare le voci critiche. Oltretutto le critiche sono spesso un patrimonio che ci avverte di un errore da correggere. Se invece sono ingiuste, si puo' rispondere in modo convincente. Cercando di mettere a tacere qualcuno non si da' una buona immagine, ne' di se' stessi ne' delle proprie intenzioni. Detto questo e' ovvio che bisognera' decidere come andare avanti. Per farlo bisognera' parlare degli errori che ci hanno fatto andare indietro. La ricerca di questi errori e' molto importante, altrimenti si rischia di ripeterli.
Quindi la prima domanda e': qual e' l'elenco degli errori commessi ?

PaoloPantani ha detto...

Complimenti norberto gallo,ho saputo stamane del tuo 3,4%, ho capito subito, bene, cominciamo consigliere, con forza e coraggio.chiamami quando vuoi, a disposizione, conosco bene la municipalità.
Per stefano, almeno 1% vuol dire che hai avuto in proporzione, un terzo dei voti del candidato sindaco, avrai un futuro politico, prepariamoci per le prossime provinciali, hai capito come si fa, la politica di consenso ha tempi lunghi.

Anonimo ha detto...

Professò, hai fallito... e hai fallito perchè hai allontanato la gente... anche quella che ti aveva appoggiato all'inizio, come me. Non sei stato in grado di far apparire la tua distanza e la tua estraneità al malaffare politico, ma al contrario ti sei dimostrato come un inutile e incomodo politicante da "terzo polo". Inutile, dannoso e, soprattutto, fallito. Professò, napoli ti ha sbattuto la porta in faccia. E te lo sei meritato.

PaoloPantani ha detto...

sono d'accordo con caputi, speravo un intervento di sostegno a daniele coppin, speriamo ritorni ma ha un carattere forte, non lo conosco, ma si capisce e non sopporta, da veneto credo, insulti gratuiti.
ma i geologi sono fatti così.. sanno che l'italia degli scempi e degli abusi sottovaluta il dissesto e non li ama,sanno di avere ragione loro e sono sempre sulla difensiva a perorare una causa che non viene ascoltata per convenienze speculative territoriali.
elenco errori:
1)attesa miracolistica e sottovalutazione della cappa di apparato, una volta rotto il tavolo occorreva parare i danni: a tappeto parrocchie, associazioni private sociali,allargamento della squadra, coinvolgimento dei comunali resisi disponibili (sanno tutto e possono tutto)
2)mancanza di un capolista senza puntare solo su rapporti unilaterali mrd.
il capolista forte ed esperto è valore aggiunto un centroavanti di sfondamento:penso a un docente,a un economista, un augusto graziani per esempio, oppure un giornalista vicino al mondo cattolico e al codacons, de notariis ad esempio.
insomma avrei allargato la squadra con qualche fuoriclasse acchiappavoti.

francesco de goyzueta ha detto...

A tutti gli anonimi sostenitori di Rosetta:prendiamo atto che il sindaco è stato riconfermato più per pavidità che per convinzione perchè in questa città è facile ascoltare sdegnate critiche ma quando si tratta di lavorare per cambiare ed essere coerenti con quanto si denuncia , il problema è solo degli altri.Quindi grande occasione mancata dell'intera città, con Rossi Doria.
Invitiamo però i supporters a controllare che la Iervolino finalmente lavori per Napoli perchè ora non ha più un briciolo di giustificazioni:il vento spira tutto a favore compresi i fondi e i finanziamenti della pochezza dei quali si era lamentata.E ricordi che la città è agli ultimi posti in Italia per vivibilità e qualità della vita.
Solo a titolo di cronaca: si vocifera che la messe di voti sia la risultante di un travaso di voti di centrodestra che siano confluiti sulla Iervolino da parte dei dissidenti di Berlusconi per la scelta di Malvano.E' vero? Per noi va bene, solo che è doveroso che che siano bene utilizzati nell'interesse della Città e non per esaltarsi.

Anonimo ha detto...

vorrei fare anch'io gli auguri a noberto gallo ,nostro unico rappresentante nelle istituzioni.
vorrei sopratutto fargli i coplimenti per essere riuscito a sottrarsi alle sue stesse previsioni elettorali ed essersi scelto l'unico posto dove era possibile essere eletto: la presidenza della municipalità del vomero!!!!
vorrei far notare però che lo stesso aveva diffuso analisi di voto che prevedevano la lista mrd al 30% e più.
hasta la victoria siempre comandante "noberto" l'unico eletto senza che nessuno abbia scritto il suo nome su alcuna scheda.
viva la democrazia,partecipata,deliberata e/o truffata

Anonimo ha detto...

un'altra giornata ha inzio,seguo con trepidazione l'andamento del dibattito sul blog,sperando che la nostra presidentessa ci comunichi qualcosa,qualunque cosa......
aspetto fiducioso,ed un tantinello spazientito.
n.b. mi accontenterei anche dell'intervento di qualche altro autorevole rappresentante,forza un pò di coraggio,tanto le elezioni sono passate, vi potete sbilanciare un pò

Anonimo ha detto...

l'unica municipalità dove abbiamo superato il 3% è stata quella del vomero?????
e le periferie,il lavoro sociale,il progetto schance,i proletari,per chi hanno votato?
siamo radicati(3%)al vomero.
bene.

Anonimo ha detto...

La data riportata sul sito relativo alla rassegna stampa e' sbagliato!! 30 giugno 2006
cordialmente